in ,

Saltano sulla tua auto e la danneggiano? Ecco il risarcimento

Una moda fra qualche idiota in Italia che spacca cofani, tetti, parabrezza

saltano sull'auto

Idiozia e demenza non hanno limiti, specie di quest’epoca strana. Cosicché, càpita pure questo: alcuni cretini saltano sulla tua auto in sosta. E la danneggiano. Zompano sui tetti, sul cofano, talvolta sul parabrezza. Quegli stupidi che lo fanno lo chiamano divertimento, come successo di recente in diverse zone d’Italia. Ma cosa fare per avere il rimborso?

Saltano sulla tua auto causando danni: il risarcimento

La prima strada per ottenere il rimborso è la denuncia penale a carico delle persone individuate, magari con telecamere o tramite testimoni. Ma si tratta, va detto subito, di una via piena di ostacoli burocratici. Gli autori dei danneggiamenti diranno che la vettura era già ammaccata prima del loro salto. Magari sono minorenni, e quindi le cose si complicano ulteriormente, perché occorre rivolgersi ai genitori dei ragazzotti.

Polizza anti-vandali: di che si tratta

La soluzione se saltano sulla tua auto danneggiandola è prevenire con la polizza contro gli atti vandalici. È una garanzia accessoria facoltativa rispetto alla Rc auto obbligatoria.  Copre i danni materiali occorsi al veicolo, a seguito di atti vandalici. Spesso si tratta della garanzia atti vandalici e sociopolitici, acquistabile solo congiuntamente alla garanzia furto e incendio. Generalmente, in caso di danni subiti a seguito di atti vandalici, è previsto uno scoperto del 10% del danno. Se la riparazione è di 1.000 euro, il rimborso è di 900 euro, perché il 10% (100 euro) resta a carico dell’assicurato. La percentuale viene ridotta del 50% in caso di riparazione del veicolo in una delle carrozzerie convenzionate con la compagnia. Di solito, la copertura non può superare il 15% del valore assicurato, riferito al valore del veicolo oggetto della polizza, fino a un massimo di 5.000 euro. Tutti i parametri possono cambiare: più sono a favore del cliente, più alta la tariffa.

Polizza atti vandalici e deprezzamento

Spesso con la polizza atti vandalici, non c’è nessun deprezzamento applicato in caso di danno parziale entro 12 mesi dalla di immatricolazione. Significa che se l’auto valeva 30.000 euro al momento della stipula, vale 30.000 euro anche entro l’anno dalla immatricolazione.

Che cosa fare se c’è un atto vandalico

Comunque, in caso di atti vandalici, non appena accertato il sinistro, il cliente deve presentare denuncia all’autorità competente. Dando più dettagli possibile relativi alla carrozzeria danneggiata, agli accessori rovinati, alle parti meccaniche interessate. La denuncia si effettua seguendo il modello disponibile presso tutti i Comandi di Polizia o le Stazioni dei Carabinieri. Oppure viene dettata al funzionario in servizio.