in

Racing Point, ottimista: “Ci vediamo davanti alla Ferrari”

Andy Green, direttore tecnico di Racing Point, è ottimista riguardo alle possibilità del suo team nella stagione 2020

Ferrari Barcellona 2020 _ 1

Andy Green, direttore tecnico di Racing Point, è ottimista riguardo alle possibilità del suo team nella stagione 2020. Il britannico mette il team davanti alla Ferrari e vicino alla Red Bull nonostante le critiche del paddock per le somiglianze tra la RP20 e la Mercedes W10 del 2019. Green ha riconosciuto che la prima settimana pre-stagionale sul Circuit de Barcelona-Catalunya ha superato tutte le aspettative. Sergio Pérez e Lance Stroll hanno percorso comodamente una pista che è sempre stata difficile per il team di Silverstone a causa delle sue caratteristiche.

“Abbiamo superato le nostre aspettative. Internamente, ci vediamo persino davanti alla Ferrari in questo momento e non lontano dalla Red Bull . Ma in ogni caso, nella parte superiore della zona centrale”, ha dichiarato alla rivista tedesca Auto Motor und Sport. Sergio Pérez ha confermato i buoni sentimenti con l’RP20: ” Abbiamo un’ottima macchina. Sembra completamente diverso ed è migliore in tutte le aree. L’instabilità nella zona posteriore è scomparsa”.

Tuttavia, è realistico e crede che la Ferrari abbia ancora un asso nella manica: ” Probabilmente qualcosa è ancora nascosto. Non credo che la Ferrari vorrà scoprire le proprie carte prima di andare a Melbourne.” Racing Point aveva cercato di seguire una filosofia Red Bull nell’aspetto aerodinamico negli ultimi anni. Tuttavia, le parti che hanno ricevuto dalla fabbrica del marchio stella d’argento non erano conformi all’approccio previsto.

“La Mercedes è sempre stata un’auto ribassata. Logicamente, le cerniere del cambio e delle sospensioni posteriori sono state realizzate per una zona posteriore bassa. Avevamo un’aerodinamica che non si adattava alla geometria delle sospensioni. È stata una cattiva idea, sia meccanicamente che aerodinamicamente. Ecco perché abbiamo sempre avuto problemi con l’aerodinamica della zona posteriore. Non avevamo soldi per iniziare da zero, quindi abbiamo sempre preso metà dell’auto dall’anno precedente”, ha detto Green in conclusione. Vedremo dunque se realmente il team che di recente è stato acquistato dal miliardario Stroll sarà così competitivo.

Ti potrebbe interessare: La Ferrari non può ancora competere con Mercedes e Red Bull Racing secondo Turrini