in

Michael Caruso: due anni in Alfa Romeo

Michael Caruso piloterà la vettura targata Gerry Rogers Motorsport

Michael Caruso

Il 36enne Michael Caruso siederà al volante della seconda Alfa Romeo targata Garry Rogers Motorsport in TCR Australia Series, per via dell’accordo sottoscritto tra il 36enne e il team di Melbourne.

Il pilota, di passaporto australiano, sarà una operazione utile non solo in ottica sportiva, ma anche economica. Difatti, porta in dote il munifico sponsor, che nel corso delle due prossime stagioni adornerà la Giulietta Veloce TCR costruita dal noto preparatore italiano Romeo Ferraris.

Il via ufficiale è in programma per il fine settimana del Gran Premio d’Australia, in occasione precisamente della TCR Asia Pacific Cup e continuerà durante tutto il campionato.

Michael Caruso: fibrillante attesa

A commentare l’annuncio ufficiale è Caruso stesso, dichiaratosi soddisfatto di aver finalizzato questo accordo. È entusiasta, in fibrillante attesa di mostrare quale sia il suo talento ai fan del Biscione e al pubblico australiano.

Grazie al legame con Valvoline potrà correre con la Garry Rogers Motorsport nel corso del prossimo biennio. Ha già avuto l’opportunità di collaborare con loro in passato e conserva ottimi ricordi dettati dall’amicizia che li unisce. È consapevole di aver a che fare con un gruppo molto professionale, dedito al lavoro, una famiglia, perciò era impossibile chiedere qualcosa in più.

Michael Caruso è portacolori Valvoline fin dal 2008, quando esordì in Supercars, e questo crede sia un bene per il Paese e per il mondo di mostrare il marchio. Ha seguito il primo anno del TCR locale ed ha scorto potenziale enorme. Desiderava farne parte e ora c’è tutto per rendersi protagonista di una bella stagione.

È convinto ci siano i presupposti per crescere, data la qualità delle produzioni Alfa Romeo: la Casa di Arese dispone di un pacchetto forte, non esclusivamente in Australia, ma pure nelle serie TCR disputate in altre Nazioni. Intanto, un impegno è già concordato, infatti – spiega il pilota – correranno la 500km a Bathurst e lui è scalpitante di salire sul Mount Panorama, un modo splendido per concludere la stagione in pompa magna. Vuole piazzare il proprio nome in alto e su un trofeo.

Peter Besgrove celebra un nuovo capitolo

Alle parole di Michael Caruso ha fatto eco Peter Besgrove, amministratore delegato di Valvoline Australia. Il 2020 – spiega l’alto dirigente – segna un nuovo capitolo per la collaborazione tra Valvoline e Garry Rogers Motorsport. Da oltre un trentennio sono nel mondo del motorsport e il TCR costituisce una novità, ma non per passione e impegno dedicato.

Nel corso del 2020 GRM potrà contare sul supporto di Valvoline per lubrificanti e tecnica. Dal canto loro intendono condurre alle prime posizioni le vetture con il rientrante Michael Caruso, che con questa squadra ha già conseguito ottimi risultati. Sono entusiasti e determinati a conseguire il successo.

Michael Caruso: la carriera

Michael Caruso (nato il 25 maggio 1983) è un pilota professionista australiano di corse automobilistiche. Inizia la sua carriera nei go-kart all’età di 12 anni, prima di essere promosso in Formula Ford nel 2001. Si trasferisce in Formula 3 nel 2002 e conquista il campionato australiano di Formula 3 nel 2003.

Nonostante le offerte per passare alla FIA Formula 3000 in Europa, sceglie di entrare a far parte del team Holden Young Lions nella V8 Supercars Development Series per il 2004. Dopo una brutta partenza lascia la compagine a metà stagione. Nel 2005 Caruso gareggia nei primi due round del campionato australiano di Formula 3, dopodiché approda in Europa per ricoprire il doppio incarico collaudatore e driver di riserva per la Astromega della F3000.

Vetture da turismo

Nel 2006 torna in Australia e nella V8 Supercars Development Series con la Decina Racing di Jim Morton, chiudendo 4° in classifica. Nel 2007 conclude secondo, sempre con il programma Ford Rising Star di Jim Morton, rinominato Ford Rising Star.

In questo periodo partecipa a tre grandi appuntamenti V8 Supercars V8. La prima delle quali è alla Bathurst 1000 del 2006 come sostituto di Mark Porter iscritto al Brad Jones Racing. Porter, coinvolto in un grave incidente il venerdì dell’evento, perde la vita in ospedale. Nel 2007, Caruso partecipa alla Sandown 500 e alla Bathurst 1000 con WPS Racing.

Garry Rogers Motorsport

Nel 2008, Caruso mette nero su bianco per competere nella sua stagione inaugurale completa in V8 Supercars, guidando un Holden VE Commodore per Garry Rogers Motorsport, dove sostituisce Dean Canto.

Nel 2009, Caruso fa sua la prima gara alla Skycity Triple Crown all’Hidden Valley Raceway. Inoltre, sale sul podio alla Bathurst 1000 del 2009, in coppia con Lee Holdsworth, e nel secondo atto della Sydney 500. Caruso resta in squadra fino al 2012, centrando solo un altro podio.

Nissan Motorsport

Nel 2013, Caruso accetta la corte di Nissan Motorsport, un team di quattro auto che gestisce la Nissan Altima L33. È il primo a introdurre un nuovo costruttore nella categoria con il regolamento della Next Gen V8 Supercars (allora conosciuta come Car of the Future). Falcidiato da un grave problema con il nuovo pacchetto, Caruso termina la prima annata al 23° posto. Il momento clou per Caruso è il Winton 360, in cui si aggiudica il secondo posto nella gara di apertura. Caruso si trova in testa alla fine della prima parte, tuttavia viene poi battuto dal compagno di box James Moffat.

Nel 2014, Caruso è decimo in classifica, nonostante abbia ottenuto un solo podio, nella seconda gara della Gold Coast 600. Caruso si aggiudica pure la pole position nella V8 Supercars Challenge, evento di supporto al Gran Premio d’Australia. Dopo la sponsorizzazione di Norton 360 nel 2013 e 2014, dal 2015 in poi, Caruso indossa la livrea aziendale Nissan e Nismo.

Vissuto un altro anno di magra nel 2015, Caruso approccia il 2016 in occasione dell’apertura della stagione Adelaide 500. Caruso finisce secondo nella gara di domenica e guida il campionato dopo l’evento Alla CrownBet Darwin Triple Crown del 2016, quindi Caruso conquista la sua seconda gara della serie in assoluto, a distanza di sette anni dal precedente exploit, casualmente ancora una volta avvenuto all’Hidden Valley Raceway. Il 30 gennaio 2019 Caruso perde ufficialmente il posto alla Nissan Motorsport.