in

Limite di velocità dinamica: si va più veloce?

Il sistema per la gestione dinamica della velocità pare dare i frutti sperati

O “limiti di velocità dinamica” o “sistema per la gestione dinamica della velocità”: scegliete voi la definizione. Ebbene, pare funzioni. L’applicazione dei limiti dinamici del progetto BrennerLec (attivato in via sperimentale lungo alcuni tratti dell’Autostrada del Brennero), ha ridotto i tempi medi di percorrenza, in caso di traffico intenso, del 34%. Lo dice la società A22. Da ora alla fine del progetto, prevista per l’aprile 2021, funzionerà anche la seconda sperimentazione, quella limitata alla tratta tra Egna Ora e San Michele-Mezzocorona. Così da avere anche meno smog.

Limiti di velocità dinamica: cosa vuol dire

Ma cosa sono i limiti di velocità dinamica? Cos’è il sistema per la gestione dinamica della velocità. Si tratta della riduzione del limite da 130 a 100 km/h in alcuni tratti ed in alcuni giorni al fine di ridurre le emissioni inquinanti. Tutto rientra nel BrennerLEC, l’abbreviazione di Brenner Lower Emissions Corridor: Corridoio del Brennero a emissioni più ridotte. BrennerLEC si propone di rendere il traffico veicolare di transito sull’asse del Brennero maggiormente rispettoso della salute della popolazione residente. E più compatibile con le caratteristiche del territorio. Il costo complessivo del progetto si aggira intorno ai 4 milioni di euro e viene cofinanziato dal programma LIFE dell’Unione Europea per una quota pari a 1,9 milioni di euro. I tre pilastri del progetto sono:

  • la gestione dinamica della velocità,
  • l’utilizzo temporaneo della corsia di emergenza come corsia di transito,
  • la segnaletica “intelligente”.

Come evitare le code in autostrada

È esperienza comune trovarsi incolonnati in autostrada e dover attendere anche più di un’ora per poter riprendere il viaggio. Hanno anche ripercussioni importanti sull’ambiente. Infatti, nulla vi è di peggio che procedere a singhiozzo, accelerando e frenando in continuazione:i le emissioni inquinanti e i consumi aumentano in modo consistente, dice l’A22. Riducendo la velocità si riducono anche gli spazi tra i veicoli e quindi nello stesso tratto di autostrada troveranno posto più automezzi, aumentando così la capacità di trasporto dell’autostrada. Si rende più omogeneo il flusso, si riducono gli eventi di cambio corsia e pertanto le accelerazioni. In determinate situazioni di traffico intenso, la riduzione della velocità aumenta la capacità di trasporto, riduce la formazione delle colonne e aumenta la sicurezza stradale.

Perché l’esigenza di emissioni inferiori?

Gli impatti ambientali generati dai trasporti che insistono nelle strette valli alpine sono di notevole importanza. C’è una difficile convivenza tra tutela dell’ambiente e libera circolazione delle persone e delle merci. Di qui una sfida di particolare importanza per il settore del trasporto su strada. Le emissioni di inquinanti atmosferici, di gas ad effetto serra e di rumore generate dal traffico impongono di agire concretamente ed in tempi brevi al fine di garantire quanto prima la qualità dell’aria. Tre le carte vincenti. Gestione:

  • dei flussi di traffico durante situazioni di traffico intenso con una combinazione di riduzione dinamica della velocità e utilizzo temporaneo della corsia di emergenza come corsia di transito.
  • dinamica della velocità massima consentita in funzione della qualità dell’aria.
  • della circolazione in prossimità dei maggiori centri abitati con l’ausilio di segnaletica “intelligente”.

Qualche numero sui test in Alto Adige: emissioni e salute

Meno emissioni di inquinanti atmosferici, minori consumi di carburante, meno rumore, maggiore sicurezza stradale. I vantaggi legati alle emissioni di inquinanti atmosferici si concretizzano in modo particolare in relazione alle diesel che sono caratterizzate dai fattori di emissione di NOX più elevati. Passando da una velocità di 130 km/h ad una di 110 km/h, una diesel Euro 5 emette in media il 30% in meno di ossidi di azoto e il 16% in meno di CO2, consentendo al tempo stesso un significativo risparmio di carburante.