in

FCA: ecco le novità elettrificate in arrivo nel 2020, per Alfa Romeo tutto rinviato al 2021

Ecco tutti i progetti elettrificati in arrivo nel corso dei prossimi mesi per il gruppo FCA

Siamo a poche settimane dall’edizione 2020 del Salone di Ginevra e dal debutto della nuova Fiat 500 Elettrica, la prima vettura a zero emissioni del gruppo che sarà prodotta in Italia, nello stabilimento di Mirafiori. Nel frattempo, il 2020 è iniziato da pochi mesi e già sono stati ufficializzati i primi progetti del massiccio piano di elettrificazione con cui FCA andrà a rinnovare completamente la sua gamma.

Ad inizio gennaio, infatti, abbiamo registrato il debutto delle nuove Fiat 500 e Panda Hybrid, le versioni mild hybrid con motore 1.0 FireFly da 70 CV con sistema a 12 V che introducono l’elettrificazione all’interno della gamma del marchio italiano. Alcune settimane fa, inoltre, Jeep ha aperto i preordini delle nuove Renegade e Compass plug-in hybrid. Per ora, sono disponibili le sole First Edition (con dotazione completa) ma nei prossimi mesi arriveranno anche altre varianti.

Nei prossimi mesi il gruppo FCA ha in programma diverse novità elettrificate.

Le novità elettrificate di FCA in arrivo nel 2020

Come anticipato, la prossima grande novità del gruppo FCA è rappresentata dalla nuova Fiat 500 Elettrica, la city car a zero emissioni che verrà presentata al Salone di Ginevra del prossimo mese di marzo per poi arrivare sul mercato nel corso della seconda metà dell’anno, come confermato ufficialmente da Fiat in questi ultimi giorni.

In attesa di capire quale sarà il futuro della Centoventi Concept, il prototipo elettrico atteso al debutto con una variante di serie tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021, il gruppo FCA concentrerà il suo piano di elettrificazione sul lancio di modelli plug-in hybrid e mild hybrid mentre solo nei prossimi anni arriveranno nuovi progetti completamente elettrici.

Maserati Ghibli ibrida
 

Tra le novità in programma c’è la Maserati Ghibli plug-in hybrid che, ricordiamo, dovrebbe debuttare al Salone di Pechino 2020 in programma nel corso del prossimo mese di aprile in parallelo al debutto dell’atteso restyling del modello. Nel corso dell’anno, probabilmente nel secondo semestre, arriveranno anche le versioni plug-in hybrid di Quattroporte e Levante. 

Sempre nel corso del 2020 ci sarà il debutto delle nuove motorizzazioni benzina con sistema mild hybrid a 48 V che diventeranno parte integrante della gamma FCA. Ad attendere il debutto di queste nuove motorizzazioni sono le Fiat 500X, 500L e Tipo e le Jeep Compass e Renegade. Entro la fine del primo trimestre dell’anno in corso dovrebbe arrivare sul mercato anche la nuova Lancia Ypsilon Hybrid, versione mild hybrid della city car di Lancia che riprenderà il motore di Panda e 500.

Per Alfa Romeo tutto rimandato al 2021

Le novità elettrificate in arrivo dei prossimi mesi per il gruppo FCA non riguarderanno, almeno inizialmente, Alfa Romeo. Il marchio italiano attende il debutto dell’Alfa Romeo Tonale, l’atteso C-SUV che verrà prodotto nello stabilimento di Pomigliano d’Arco e dovrà dare un contributo fondamentale alla crescita del marchio italiano nel corso del prossimo futuro.

Il Tonale dovrebbe arrivare sul mercato solo ad inizio del 2021 con una gamma che comprenderà motorizzazioni mild hybrid a benzina ed almeno una variante plug-in hybrid che potrebbe utilizzare la stessa configurazione della Compass (quattro cilindri 1.3 turbo benzina da 180 CV, collegato all’asse anteriore, motore elettrico collegato all’asse posteriore e potenza complessiva di 240 CV).

Sarà necessario attendere il 2021 anche per le versioni ibride di Giulia e Stelvio. I due modelli di segmento D della casa italiana, infatti, attendono il restyling di metà carriera che debutterà il prossimo anno e porterà con sé le nuove motorizzazioni mild hybrid. A meno di (improbabili) sorprese, Giulia e Stelvio non potranno contare su motorizzazioni plug-in hybrid.

Ricordiamo che Alfa Romeo ha in cantiere anche il nuovo B-SUV (che dovrebbe utilizzare la piattaforma CMP del gruppo PSA). Il progetto, come previsto dal piano industriale, sarà pronto per il 2022 e arriverà anche in una versione BEV a zero emissioni. Al momento, considerando che mancano almeno due anni al debutto, le informazioni sul nuovo SUV sono limitatissime.