in

Chrysler: “Con la fusione Fca-Psa ritirerà la 300”

Come cambierebbero i piani strategici di Chrysler con la fusione tra Fca e Psa

Chrysler

Nata quasi un secolo fa per produrre veicoli di qualità superiore, Chrysler offre oggi modelli in segmenti in contrazione.

La fusione tra Fiat Chrysler Automobiles NV e la francese PSA creerebbe un’entità di 13 marchi complessivi – più di qualsiasi altro gruppo globale. Non è di buon auspicio, dicono gli esperti, per la sopravvivenza della storica impresa USA, ridotta a realizzare minivan e berline di medie dimensioni.

Chrysler: le speranze di Frank Rhodes

Il Senato degli Stati Uniti giovedì, su incipit del presidente Donald Trump, ha approvato il nuovo accordo commerciale di libero scambio per i Paesi dell’America del Nord.

Vuole davvero vedere il brand sopravvivere Frank B. Rhodes Jr., il pronipote di Walter P. Chrysler, colui che ha fondato l’azienda nel 1925 dai resti della Maxwell Motor Co. Non è affiliato alla Casa, ma vuole assicurarsi che l’eredità del suo bisnonno sia preservata.

Merita di sopravvivere per il costruttore di mobili di 61 anni di Chestertown, Maryland, alla guida una Chrysler 300 verde del 2018. La Chrysler ha fatto molto per questo Paese per quasi 100 anni. Deve essere preservata. È un patrimonio, è un orgoglio, fa parte della tradizione statunitense. Vedono sempre più le compagnie sparire. Un peccato.

Il CEO di PSA Carlos Tavares, titolare della nuova entità derivante dall’accordo tra Fca e Psa, ha detto che il nuovo nome, non ancora annunciato, dovrebbe trasmettere l’obiettivo di promuovere un futuro di mobilità sostenibile. Jeep e Ram sono le produzioni più popolari. Non Chrysler e Fiat, rendendo improbabile la loro conferma nella denominazione sociale. Ad ogni modo, continueranno a vivere – almeno per ora.

Se saranno abbastanza diversificati, saranno molto sinergici a detta di Tavares. I brand proseguiranno nella realtà combinata.

Calo nelle vendite per Chrysler

Le vendite della Chrysler, tuttavia, sono scese del 23% nel 2019, a fronte di un calo dell’1% del Costruttore italo-americano complessivo. Ha consegnato poco meno di 30.000 berline Chrysler 300, con una flessione del 37%, e quasi 98mila unità del minivan Pacifica, pari ad un meno 17%.

Questa divisione non sembra rappresentare una gamma florida e sana, avverte Karl Brauer, executive publisher di Cox Automotive Inc. Non sembra avere un avvenire promettente. La maggior parte delle persone Under 40 non vi avrebbe granché consapevolezza o affinità.

La Pacifica ha scalzato le vetture in segmenti più popolari quali il suv Dodge Durango e il crossover Jeep Renegade. Ha pure regolato la muscle car Dodge Charger e la sportiva Dodge Challenger, ha detto Tim Kuniskis, il capo di Fiat Chrysler in Nord America.

Nessuno avrebbe mai chiesto se smetteranno di vendere muscle car, notando che negli Stati Uniti raccolgono una domanda inferiore ai minivan.

Il colosso sta investendo in Chrysler, garantisce Kuniskis. Ha reintrodotto per il 2020 il nome Voyager come alternativa meno cara della Pacifica. E alla fiera CES di questo mese a Las Vegas, la Pacifica ha ottenuto un aggiornamento sul concept Airflow Vision, incentrato sulla personalizzazione della user experience.

Il prototipo Airflow Vision è un mezzo elegante fondato sul minivan ibrido plug-in Chrysler Pacifica, incentrato sull’esperienza dell’utente, che offre schermi multipli e personalizzabili che possono anche condividere informazioni.

Casa dei marchi

Sotto la gestione del leggendario CEO Lee Iacocca, la Chrysler Corp. ha lanciato i minivan a partire dal 1983 con la Dodge Caravan e della Plymouth Voyager. Il segmento ha totalizzato meno di 400.000 veicoli nel 2019 – una frazione del milione e duecentomila consegnate nel 2005, secondo il sito web di informazione Edmunds.com Inc. Oggi, i minivan rappresentano una quota di mercato inferiore al 3%. Il settore delle auto di grandi dimensioni è più ristretto, con una quota dell’1,3% rispetto al 4,9% del 2010.

Fiat Chrysler possiede per Detroit News una filosofia da “Casa dei marchi”, dove ognuno si posiziona per accontentare un differente target. Nonostante la popolarità del minivan stia scomparendo, porta ancora migliaia di clienti negli showroom – e con solo Honda Motor Co., Kia Motors Corp. e Toyota Motor Corp. A proporre minivan negli Stati Uniti, ci sono meno rivali di prima.

Dal suo punto di vista, esistono unicamente quattro player, afferma Kuniskis. È un buon posto dove stare. Altrove, l’azienda deve competere per i clienti contro due dozzine o più di concorrenti con il prezzo come strumento più forte. Con i minivan, “si è in competizione sull’innovazione e si ha il miglior prodotto sul mercato”.

Da questo punto di vista, la Fiat Chrysler domina: le vendite di minivan Pacifica e Dodge Caravan sono state più di 220.000 nel 2019 – oltre la metà dei minivan complessivamente ceduti negli States. La Pacifica è l’unico minivan disponibile in versione ibrido plug-in, ed è all’avanguardia da piattaforma per i servizi robotaxi in tutto il mondo, da Waymo LLC della casa madre di Google Alphabet Inc. a Phoenix, Arizona, ad AutoX in Cina.

La forma migliore per trasportare persone è una maxi scatola, sostiene Brauer di Cox. Non è la più bella o la più sportiva, ma è certamente la più efficace. Sono all’apice del minivan, via via un progetto sempre più valido per la mobilità, ma non per il modello personale dell’acquirente.

Piazza pulita

Le azioni della Fiat Chrysler sono indicative dei segmenti in contrazione ai quali Chrysler è limitata. L’azienda prevede di licenziare circa 1.500 persone verso fine marzo quando taglierà il terzo turno presso lo stabilimento di assemblaggio di Windsor, in cui costruisce i minivan Chrysler e Dodge. Anche nel corso del mese di gennaio l’impianto rimarrà inattivo per due settimane.

Fca stanzia pure più soldi per altri veicoli come la Dodge Charger oltre la 300, commenta Bill Golling, che possiede sei concessionarie, tra cui le sedi della Chrysler Dodge Jeep Ram a Bloomfield Hills, Chelsea e Roseville. E gli acquirenti di Pacifica entrano sapendo di volere una Pacifica, un autocarro per famiglie. È un grande modello, sebbene – constata Golling – alcuni si sono orientati su una Jeep Grand Cherokee o su un equivalente suv imponente.

La Fiat Chrysler ha fatto da apripista nella rimozione delle berline dal proprio listino, eliminando la Chrysler 200 di medie dimensioni nel 2017. Stando alle previsioni di LMC Automotive la Chrysler interromperà la produzione della 300 entro un anno – lasciando il marchio premium con solo minivan che affrontano una “stigmatizzazione” delle mamme di classe media, ha detto Jeff Schuster, presidente di LMC riguardo alle stime mondiali.

Ritirare la 300 è un’eventualità in considerazione, confida. Non riescono a conseguire abbastanza volume dal programma per le quattro ruote di grossa capienza. Parte di esso si limita alla domanda. C’è interesse per le sportive, ad esempio la Challenger e la Charger, ben accolta dai clienti… Ciononostante il volume non è ancora forte. Perciò ci si è proiettati sui suv.

Dipendente dal marchio

Rodi, pronipote di Chrysler, dice di aver inviato a novembre una breve lettera a Tavares di PSA e al presidente e ministro delle finanze francese implorandoli di garantire il futuro della Chrysler. Non ha ricevuto alcuna risposta. Il portavoce del PSA Bertrand Blaise ha comunicato che l’ufficio di Tavares non ha ricevuto la lettera.

A dicembre, Tavares si è definito “dipendente dal marchio”. Le divisioni del conglomerato sarebbero diverse per patrimonio, storia ed emozione, ed è per questo che ciascuna manterrà la relativa sede nel Paese d’origine a fusione ultimata.

In quanto capo di PSA, Tavares ha ampliato l’offerta, costituendo la DS Automobiles nel 2015. Due anni dopo, ha acquisito le tedesche Opel e British Vauxhall da General Motors Co.

La scorsa settimana, PSA ha dichiarato che i CEO delle Citroën e DS si stavano spostando in ruoli inediti per focalizzarsi sul posizionamento, la differenziazione e il contenimento dei costi. PSA assegna a ognuno dei suoi brand un rivale da battere, riporta Blaise.

Hanno Citroën, a misura d’uomo. Peugeot è il mainstream di fascia alta. DS Automobiles è il premium con bagliore francese. Opel è la vera potenza teutonica, e Vauxhall è rivolta agli inglesi. Vogliono ottimizzare il collocamento all’interno del portafoglio. Carlos ha un diktat: “Ogni marchio ha la sua occasione”.

La fusione potrebbe pure aprire maggiori opportunità per Chrysler, dicono gli esperti, vedi la commercializzazione delle Peugeot e Citroën sotto la rispettiva divisione negli Stati Uniti. PSA non ha vendite al dettaglio oltreoceano, nonostante Tavares abbia fissato nel 2016 un obiettivo decennale di reintroduzione delle Peugeot.

Chrysler sta soffrendo di una crisi d’identità, asserisce Schuster di LMC. Grazie alla PSA, ci sono più possibilità di quante ce ne sarebbero state senza di delineare un’identità e guardare al futuro.

 

 

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento