in

Binotto non pensa che le modifiche alle regole riducano subito il divario tra i team

Secondo Mattia Binotto inizialmente il cambio di regole della Formula 1 non ridurrà il divario tra i team

Mattia Binotto

Mattia Binotto ritiene che le modifiche al regolamento del 2021 renderanno immediatamente lo sport più competitivo ma si aspetta che le migliori squadre mantengano ancora un vantaggio significativo rispetto al resto della griglia. Alla fine di ottobre sono state confermate le modifiche al regolamento per la stagione 2021. Pneumatici più grandi, nuove regole per quanto riguarda l’aerodinamica delle monoposto e un limite di budget. Sono queste le principali caratteristiche del primo grande impatto di Liberty Media sullo sport.

Secondo Mattia Binotto inizialmente il cambio di regole della Formula 1 non ridurrà il divario tra i team

Con le modifiche progettate per rendere le gare più competitive, la speranza è che il divario tra i team di punta e il resto del gruppo si assottigli. Tuttavia, il direttore della Ferrari Mattia Binotto non è sicuro che le modifiche avranno l’effetto desiderato. Queste nuove regole forniranno stabilità alla F1 per i prossimi cinque anni, ma il prossimo anno penso che le squadre con più risorse avranno un vantaggio competitivo rispetto alle altre”, ha dichiarato Binotto citato da La Gazzetta dello Sport.

Nel 2021, lo scenario non sarà molto diverso da quello che abbiamo oggi. Sono abbastanza convinto che arriveremo a un tetto di prestazioni abbastanza presto. Entro tre anni dall’introduzione del regolamento, il divario di prestazioni tra il primo e l’ultimo sarà ridotto. In breve, l’obiettivo che Liberty Media si è prefissato di livellare il campo di gioco potrà essere raggiunto, ma non accadrà immediatamente”.

Ti potrebbe interessare: Binotto ammette che le riunioni dei piloti Ferrari sono state “difficili da gestire” nel 2019

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento