in

Binotto ammette che le riunioni dei piloti Ferrari sono state “difficili da gestire” nel 2019

Mattia Binotto ha confermato che gli incontri tra i piloti tra Sebastian Vettel e Charles Leclerc sono diventati “molto difficili da gestire” ed erano “pieni di imbarazzi”

Mattia Binotto

Mattia Binotto ha confermato che gli incontri tra i piloti tra Sebastian Vettel e Charles Leclerc sono diventati “molto difficili da gestire” ed erano “pieni di imbarazzi” mentre il team Ferrari si preparava per la stagione 2019. Con il progredire della stagione, le cose sono peggiorate da questo punto di vista. Durante l’anno, ci sono stati un certo numero di eventi che sono sorti tra i due piloti che hanno causato un po’ di frizioni all’interno del box del cavallino rampante.

Mentre è stato divertente dal punto di vista dei fan, coloro che supportano la Ferrari o sono coinvolti nel team Ferrari avrebbero provato frustrazione. Binotto, che era alla sua prima stagione nel ruolo di capo squadra, ha dovuto cercare di mantenere la pace tra il giovane talento Leclerc e il quattro volte campione del mondo, Vettel.

Tuttavia, all’inizio della stagione, Binotto ha provato a gestire i due, affermando che Vettel era il pilota principale che avrebbe lottato per il titolo. Ciò significava che Vettel aveva il vantaggio quando le cose tra lui e il compagno erano alla pari. “E credimi, quel tipo di incontro all’inizio della stagione era pieno di imbarazzi e difficile da gestire”, ha detto Binotto durante un pranzo mediatico ed è citato da Motorsport.com.

Nonostante i problemi durante la stagione, Binotto afferma che la squadra nel suo insieme è riuscita ad abituarsi alle situazioni. “Alla fine della stagione, è diventato sempre più facile, il che significa che ci stiamo abituando come squadra. In gara, alla fine possiamo ancora commettere errori, ma sono abbastanza sicuro che gli errori facciano parte di questo processo. Si dice spesso che avremmo dovuto lasciarli correre nella primissima gara. Siamo ancora molto convinti che cercare di gestirli sia il modo migliore per ottenere più punti per la squadra quando arrivi alla fine della stagione “, ha continuato Binotto.

“E crediamo che se stai ottimizzando anche i punti squadra alla fine, ottimizzi anche quello che potrebbe essere il risultato per i piloti. Quindi stavamo provando a gestirli nella primissima gara. la ragione per cui è necessario gestirli è perché entrambi sono buoni piloti e devono essere rispettati come individui perché entrambi all’inizio della gara hanno un obiettivo: non battere il compagno di squadra, ma essere prima sotto la bandiera a scacchi.”

Ti potrebbe interessare: Binotto vuole capire le motivazioni di Vettel prima di decidere il futuro