in

Fiat Chrysler: maxi sconti a Natale in USA per vendere le auto rimaste

Fiat Chrysler sta cercando in tutti i modi di eliminare in USA decine di migliaia di veicoli che i suoi rivenditori non hanno ordinato

Fiat Chrysler Automobiles

Fiat Chrysler sta cercando in tutti i modi di eliminare in USA decine di migliaia di veicoli che i suoi rivenditori non hanno ordinato, aumentando le tensioni su una nuova strategia di produzione che ha portato ad un grosso incremento delle scorte. La casa automobilistica offre i suoi sconti più aggressivi dalla crisi finanziaria per vendere alcuni modelli di auto del 2019 con i suoi marchi Dodge, Jeep e Ram, come mostrano i documenti di marketing interni.

In una teleconferenza della scorsa settimana, al personale addetto alle vendite è stato chiesto di fare gli straordinari per fare in modo che la rete della compagnia di 2.400 rivenditori possa vendere più veicoli possibile e ridurre l’inventario dell’invenduto a zero prima di Natale. Fiat Chrysler avrebbe accumulato fino a 70.000 auto non vendute per il mese di dicembre. La società afferma che l’accumulo è il risultato di un sistema vecchio di anni per semplificare la produzione utilizzando l’analisi dei dati per prevedere la domanda.

Ma ciò sta anche portando a tensioni interne, con alcuni dipendenti che esprimono frustrazione per il fatto che le auto prodotte non corrispondono alle preferenze del mercato. L’ampiezza degli sconti a cui Fiat Chrysler sta ricorrendo per convincere i concessionari a vendere i veicoli invia un segnale preoccupante per la regione più importante della casa automobilistica. La spesa per incentivi incide sugli utili e la società dipende quasi interamente dal denaro che guadagna in Nord America. La situazione mostra anche le sfide che le case automobilistiche devono affrontare quando adottano nuove tecnologie per rivedere le pratiche radicate.

Il mese scorso, quattro concessionari hanno riferito a Bloomberg di essere stati sollecitati a ritirare le auto da quella che chiamavano una banca di vendita: uno stock di veicoli che il costruttore aveva costruito nonostante mancassero ordini per loro dai rivenditori. La pratica decennale è disapprovata nel settore perché può oscurare le cifre dell’offerta e aumentare la pressione sui rivenditori affinché prendano i veicoli che non vogliono. I numeri di inventario comunicati ai ricercatori di terze parti contano solo le auto sui lotti dei concessionari.

Fiat Chrysler contesta che gestisce una banca di vendita. Dice che l’accumulo di auto è un effetto collaterale temporaneo del sistema di analisi predittiva, che ha consentito all’azienda di risparmiare 445 milioni di dollari nel terzo trimestre e ha eliminato 140.000 unità dal suo inventario totale. È stato creato da Mark Stewart, Chief Operating Officer del Nord America, che si è unito l’anno scorso ad Amazon.com Inc. “La nostra nuova strategia di gestione della catena di fornitura basata sull’analisi predittiva continua a funzionare bene per noi, anche se continuiamo a perfezionarla”, ha dichiarato Niel Golightly, Chief Communications Officer di Fiat Chrysler.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento