F1, è “ufficiale”: la Mercedes teme la Ferrari

f1-ferrari-mercedes-raikkonen-wolff

Dopo il primo gran premio della nuova stagione di Formula Uno, stampa e addetti ai lavori sono concordi nel ritenere che quest’anno la lotta nel Mondiale di Formula 1 sarà tra la Mercedes e la Ferrari, almeno per quanto riguarda le prime due posizioni. Ci spieghiamo meglio.

Tutti sono a conoscenza che la Rossa ancora deve lavorare tanto per raggiungere il livello delle Frecce D’Argento, ma la prima gara di Melbourne ha fornito utili indicazioni: netto il miglioramento della Ferrari, riuscita a concludere dietro Hamilton e Rosberg ma davanti a Red Bull e Williams.

Una sfida che comunque anche per il Mondiale Piloti 2015 sarà una questione personale tra i due piloti della Mercedes, Lewis Hamilton e Nico Rosberg.

Wolff, boss della Mercedes, nelle sue ultime dichiarazioni, è convinto comunque che non passerà molto prima che la Ferrari raggiunga lo stesso livello della scuderia tedesca: “Abbiamo vinto in Australia con circa 30 secondi sulla Ferrari.  Un risultato abbastanza impressionante considerato il livello della Rossa nel 2014. È solo una questione di tempo: la Ferrari raggiungerà il nostro livello, non ci sono dubbi”.

Il pensiero di Wolff è naturalmente condiviso anche dal pilota della Ferrari, Kimi Räikkönen, che nonostante lo sfortunato esordio a Melbourne, è  ottimista sul proseguo della stagione.

Kimi infatti ha già individuato qual è il principale aspetto da migliorare: la velocità in qualifica.

Il pilota della Ferrari è molto fiducioso infatti per quanto mostrato in gara dalla due rosse:

“Credo che come passo gara siamo abbastanza vicini alla Mercedes. In corsa la differenza di prestazione non è tanto elevata”.

  • wissender

    Per me e normale e tipico per i tedeschi che prendono in giro la Ferrari, anche perche sono fatti cosi.
    Anche se e’ da una vita che prendono schiaffi, perche subito dopo aver vinto nell 2014 il mondiale, si sono dimenticati che, non so da quandi anni che sono gia nella formula 1, senza di aver vinto un’ bell’ niente.
    I tedeschi sono fatti cosi.