Alfa Romeo Giulia: ecco come cambiano i metodi di vendita al cliente

Alfa Romeo Giulia Veloce 2016 Parigi 02

Alfa Romeo Giulia è arrivata sul mercato negli scorsi mesi e i primi dati di vendita sembrano dare ragione ai dirigenti del Biscione, che puntano forte su questo modello per il rilancio della casa automobilistica italiana di Fiat Chrysler Automobiles nel mondo dei motori, dopo anni bui. Alfa Romeo Giulia rappresenta infatti l’inizio di un nuovo ciclo per l’azienda milanese, che ha approfittato dell’esordio della berlina in concessionaria anche per sperimentare nuove strategie di vendita, assai diverse da quelle utilizzate sino a questo momento. E’ lo stesso Fabrizio Curci, responsabile del brand italiano per l’area EMEA a rivelarlo, nel corso di una recente intervista,cosi come riportato da Auto.it. Il dirigente mette in evidenza il fatto che una vettura come la Giulia richieda una vendita diversa rispetto ad altre auto.

Fabrizio Curci parla dei nuovi metodi di vendita di Alfa Romeo Giulia

Fabrizio Curci, che è in Alfa Romeo da appena 18 mesi ma può senza dubbio vantare una grande conoscenza di quelli che sono i valori e la storia del brand ha messo in evidenza le nuove tecniche che i dirigenti del Biscione hanno preteso fossero messe in atto dai concessionari per quanto concerne l’interazione con i clienti. A differenza di quanto avveniva in passato si cerca di vendere Alfa Romeo Giulia non seduti a tavolino trattando sul prezzo ma bensì facendo vedere e toccare la vettura. Questo avviene anche allo scopo di spiegare tutti i contenuti tecnici dell’automobile che è un vero e proprio concentrato di tecnologia.

Ecco come avviene la scelta di colori e materiali

Lo stesso metodo viene adottato anche per quanto concerne la scelta di colori e materiali nella nuova Alfa Romeo Giulia. Non si usa più un ritaglio di materiali o il coloro stampato sul catalogo, ma il concessionario utilizzerà dei modellini che mostrano il colore dell’auto che si vuole scegliere in maniera che il cliente possa vedere l’effetto che fa anche guardandola alla luce del sole. Inoltre saranno presenti in concessionaria una grande varietà di mini sedili in pelle con tutte le combinazioni di colori esistenti, in maniera da far rendere conto al cliente di quale possa essere la soluzione migliore per la propria auto, senza dover decidere tutto guardano un piccolo pezzettino di stoffa come avviene adesso per la scelta di numerose altre auto.

Leggi anche: Alfa Romeo: Granada ospita l’ottavo raduno di auto del Biscione in Spagna

Alfa Romeo Giulia Veloce 2016 Interni
Alfa Romeo Giulia: ecco come avviene la scelta dei materiali e dei colori da parte dei clienti nelle concessionarie del Biscione

Leggi anche: Alfa Romeo Stelvio: foto spia a ‘porte aperte’ a 2 giorni dal debutto

Alfa Romeo Giulia porta in se’ il DNA del Biscione, parola di Fabrizio Curci

Fabrizio Curci non fa mistero che Alfa Romeo Giulia sia un’automobile che porta in se’ il DNA di Alfa Romeo. Questo deve essere chiaro sin da subito al cliente già nel momento in cui iniziano le trattative di vendita di questa berlina di segmento ‘D’ che nei prossimi mesi proverà a dare serio filo da torcere alle rivali tedesche di Audi, Bmw e Mercedes. Infine qualcuno ha messo in dubbio che l’attuale gamma di Giulia possa competere con quella delle rivali tedesche visto che al momento le versioni previste in gamma sono 16 contro le 71 della Bmw Serie 3 o le 64 della Audi A4, ma Curci è convinto che questo non sia un problema, in quanto la gamma di Giulia è completa e provandola chiunque si accorgerà della sua grande qualità.

 

 

  • Michele 156

    La realtà è ben diversa… A fine ottobre (dunque ben un mese dopo che la Giulia Veloce è stata presentata a Parigi) mi reco in concessionaria per provarla. Ma l’auto non c’è. Anzi, hanno a disposizione una sola Giulia diesel da 180 CV, nessun altro modello. Hanno ordinato delle Quadrifoglio ma non ne è ancora arrivata l’ombra di una sola! I clienti arrivano e poi se ne vanno alla BMW lì vicina… Una desolazione…
    Cambio concessionaria e la musica è la stessa: niente Veloce e c’è solo una diesel test drive che in quel momento un cliente insiste per comprare.
    Appassionato come sono della Marca decido di ordinare comunque una Veloce benzina a scatola chiusa, anche se mi dà parecchio fastidio. Oggi, dunque dopo 3 settimane, passo in concessionaria nuovamente e mi dicono che non sono ancora riusciti a trasmettere l’ordine alla Casa in quanto il sistema informatico FCA non funziona!!!

    Riassumendo: i manager si riempiono la bocca di grandi parole, ma alla prova dei fatti l’Alfa sta facendo una figura di mexda. Campioni di sedili? Modellini?? Colori???

    Ma mi facciano il piacere…!!! Vergogna!

    • umberto

      da quello che dicono in fiat a quello che fanno nei concessionari purtroppo non vi è mai coincidenza!… d’altronde se auto meravigliose come la 156 o, ancora meglio, come la 166 e la 159 non hanno sfondato non è per la mancanza di qualità (peraltro maggiore alla concorrenza) ma solo ed esclusivamente per una rete di vendita pietosa!….
      Per quanto riguarda le auto da provare onestamente è poco credibile che un concessionario tenga a disposizioni una moltitudine di auto da far provare, quindi non mi scandalizzo se l’unica disponibile è una diesel
      sull’impossibilità di trasmettere l’ordine mi sembra una bufala talmente grande che non so neanche come commentarla!
      purtroppo vedi ho poca fiducia nei concessionari, difatti le auto le compro solo se sono disponibili in pronta consegna, di balle raccontate dagli stessi ne ho sentite troppe in questi anni, quindi…. evito!

  • don vito

    La Veloce e per adeso solo una fatamorgana…..

  • come suol dire in questi casi, a parole siamo tutti boni! la realtà è ben diversa