Alfa Romeo: Al via la produzione dei motori della Giulia a Termoli

di -

La nuova Alfa Romeo Giulia è sempre più vicina al debutto sul mercato, atteso per la prossima primavera in Europa e per l’estate negli USA, ed il marchio italiano sta accelerando il processo di completamento dei lavori di pre-produzione. Nei prossimi giorni, infatti, nello stabilimento FCA di Termoli prenderà il via ufficiale la produzione a pieno regime di due nuovi motori che segneranno il futuro di Alfa Romeo e che troveremo in diverse varianti della versione base della nuova Alfa Romeo Giulia. I motori in questione saranno un  4 cilindri a benzina ad alta potenza ed un un 6 cilindri di derivazione Ferrari. Al momento, a Termoli è già attiva una linea di produzione e lo stabilimento sta lavorando a regime ridotto per fornire i primi motori da montare sui più recenti prototipi della Giulia. Entro marzo, lo stabilimento dovrebbe entrare in piena attività e la produzione dei motori dovrebbe, gradualmente, aumentare.

La produzione dei motori Alfa Romeo a Termoli fu annunciata ufficialmente da Sergio Marchionne che, nello scorso aprile, visitò lo stabilimento che ha ricevuto ben 500 milioni di Euro di investimenti per effettuare i lavori di ammodernamento alle linee di produzione necessari per poter assemblare i motori che troveremo, nei prossimi mesi, sulla Giulia. Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio produzione

L’importanza di Termoli nelle strategie future di Alfa Romeo è enorme. La casa italiana, infatti, punta a raggiungere un volume produttivo di circa 200 mila motori all’anno nel solo stabilimento molisano da cui, quindi, dovrebbero uscire circa il 50% dei motori complessivi di Alfa Romeo che, ricordiamo, punta a raggiungere il target di 400 mila unità vendute all’anno. In particolare, i motori benzina ad alte prestazioni potrebbero rappresentare il cuore dell’offerta della Giulia per il mercato nordamericano e per diversi mercati europei. In caso di successo commerciale della nuova berlina, il sito di produzione di Termoli potrebbe, quindi, nel giro di pochi mesi dover garantire un’importante quota produttiva, uno scenario che ci auguriamo fortemente sia per il futuro di Alfa Romeo che per il futuro dei tanti lavoratori dello stabilimento.

L’appuntamento con la nuova Alfa Romeo Giulia, con tutta la gamma al completo che affiancherà la Giulia Quadrifoglio, è fissato per inizio marzo in occasione del Salone dell’auto di Ginevra, l’evento fieristico svizzero in cui Alfa Romeo punta a tornare protagonista sulla scena internazionale. Accanto alla nuova Giulia, infatti, Alfa Romeo porterà anche i restyling di MiTo e Giulietta e la nuova serie speciale Alfa Romeo 4C Spider Anniversary, realizzata per celebrare al meglio i 50 anni della storica Duetto. Continuate, quindi, a seguirci con attenzione anche nel corso dei prossimi giorni per ricevere tutti gli aggiornamenti legati alle novità in arrivo per Alfa Romeo. Da marzo, con la presentazione della Giulia ed il suo successivo arrivo in Italia ed in Europa, prenderà, infatti, il via ufficiale il piano di rilancio di Alfa Romeo che, nel corso dei prossimi anni, andrà a mutare radicalmente il brand puntando a diventare una reale alternativa, al di fuori dei confini italiani, ai brand premium del mercato delle quattro ruote.

  • don vito

    E i diesel? 60% di mercato in EU.

    • umberto

      il diesel penso che monteranno i vm…….. quindi non li faranno a Termoli.

      • Alessandro Mugnano

        il 2.2 non è VM……a Termoli si producono sono propulsori alimentati a benzina. 🙂

        • umberto

          hai ragione

    • Alfonso

      Credo che i diesel 4 cilindri verranno prodotti dallo stabilimento F.M.A. di Avellino. Per il V6 c’è già lo stabilimento romagnolo nel ferrarese che produce per Maserati.

      • beppedelp

        A Termoli produccono già il Multiair della 124 spider e tutti i motori Alfa Romeo.

    • Alessandro

      Pratola Serra e queli più performanti alla VM di Cento (Fe)

    • Alessandro Mugnano

      2.2 MJT

  • paomirtillo88

    Evviva, finalmente 🙂