Unigrid lavora a batterie più economiche e sicure con il sodio

Daniele Di Geronimo Autore
La start up Unigrid ha annunciato di aver sviluppato una tecnologia per l’uso del sodio per la produzione di batterie.
Batterie agli ioni di sodio Unigrid

Il settore delle batterie delle automobili elettriche è in grande fermento: tra l’introduzione del passaporto e le continue notizie di nuove innovazioni tecnologiche (come quella delle batterie ad acqua) non mancano le curiosità e le novità in materia. L’ultima arriva da Unigrid, azienda che sta lavorando all’utilizzo del sodio per ottenere batterie più economiche e sicure.

Batterie Unigrid

Le batterie agli ioni di sodio di Unigrid

La maggior parte delle batterie oggi in commercio e presente sulle auto è agli ioni di litio che, nonostante abbia un costo relativamente basso, ha sempre un costo particolarmente alto. Da qui l’idea (e la necessità) di esplorare alternative. Le batterie agli ioni di sodio sembrano essere una valida, non come sostitute di quelle agli ioni di litio, ma complementari a esse.

Batterie auto elettriche

In realtà al momento gli ioni di sodio non sono ancora pronti per un utilizzo diffuso. Le batterie ottenute con questo materiale, infatti, non sono molto dense e risultano troppo ingombranti e pesanti per i veicoli elettrici. Inoltre l’eventuale adozione di queste batterie agli ioni di sodio richiederebbero una nuova elettronica per gestire i processi di carica e scarica, con costi infrastrutturali non indifferenti.

La startup di proprietà di Darren Tan sostiene di aver risolto questi problemi tramite l’utilizzo di una nuova chimica che si basa sull’ossido di sodio-cromo in una metà della batteria e di stagno nell’altra. In questo modo le batterie Unigrid non occuperebbero più troppo spazio (sarebbero come quelle di una cella al lito-ferro-fosfato) con una potenza simile a quella delle batterie agli ioni di litio potendo anche contare sulla stessa elettronica e utilizzando materiali ampiamente disponibili.

A prescindere da quali saranno gli esiti di questa specifica tecnologia è interessante registrare i grandi investimenti che ruotano intorno a questo settore che è solo all’inizio di un futuro che per molti aspetti sembra essere molto promettente.

  Argomento: 
Share to...