in

Helmut Marko a proposito della penalità di € 50.000 della Ferrari: “È uno scherzo!”

Helmut Marko ha criticato la penalità di € 50.000 della Ferrari che il team di Maranello ha ricevuto dopo il Gran Premio di Abu Dhabi

Red Bull Honda
Red Bull Honda

Il consigliere per gli sport motoristici della Red Bull Racing, Helmut Marko, ha criticato la penalità di € 50.000 della Ferrari che il team di Maranello ha ricevuto dopo il Gran Premio di Abu Dhabi , con il team italiano che ha corso con un carico di carburante errato sulla SF90 di Charles Leclerc. È stato infatti confermato che l’auto di Leclerc presentava un’irregolarità del carburante durante la gara. Il pilota della Ferrari è stato così indagato dopo lunghe discussioni con gli steward prima del Gran Premio. Il costruttore italiano ha così ricevuto una multa di € 50.000.

Marko ha previsto la decisione, con molte persone, tra cui Christian Horner, team principal della Red Bull, pensando che avrebbe dovuto portare a una squalifica di Leclerc, dicendo che “non riusciva a capire come non sia accaduto”.

“I regolamenti sono molto chiari e la lieve punizione che è stata inflitta alla Ferrari rappresenta per me uno scherzo”, ha  detto Marko ad  Auto Bild.  La Ferrari ha anche subito molte critiche per la sua unità di potenza nelle ultime settimane, con molti tra gli addetti ai lavori che pensano che la scuderia abbia trovato una lacuna nei regolamenti e stesse sfruttando ciò:  “Si tratta di correttezza, rispetto delle regole e della parità di trattamento di tutte le squadre.

“Il motore della Ferrari è stato messo in discussione su diversi punti che sono probabilmente al di là di qualsiasi area grigia, ma non è stato fatto nulla per correggerlo. Se sospettiamo che ci siano irregolarità, sicuramente protesteremo, e quindi la Ferrari dovrà rivelare tutto e di conseguenza anche gli accordi con la FIA“.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento