in

Fusione PSA-Fiat Chrysler: i sindacati francesi sono favorevoli

Tutti i sindacati rappresentativi dei lavoratori di PSA hanno espresso parere favorevole per una fusione con FCA

Fusione FCA PSA

Lunedì pomeriggio si è svolto un CSE straordinario sulla proposta fusione tra PSA e Fiat-Chrysler. FO, CFE-CGC, CFDT e CFTC hanno espresso parere favorevole sul proseguimento delle discussioni esclusive. La CGT si è pronunciata contro la transazione, ma non ha un rappresentante nell’istanza pertinente. “Dopo un parere unanimemente favorevole emesso l’8 novembre dal comitato sociale ed economico della holding Peugeot SA, i sindacati francesi di PSA Automobiles SA hanno confermato oggi il loro sostegno al progetto dando anche un parere favorevole all’unanimità dei rappresentanti eletti. ” Ha detto un portavoce del gruppo francese.

Tutti i sindacati rappresentativi dei lavoratori di PSA hanno espresso parere favorevole per una fusione con FCA

Tutti i sindacati rappresentativi, ad eccezione della CGT che non ha eletto rappresentanti presso il CSEC, hanno emesso un parere consultivo – favorevole alla fusione proposta con FCA, hanno anche confermato diverse fonti sindacali. “Questi pareri favorevoli testimoniano la fiducia delle parti sociali e le dinamiche implementate nel gruppo PSA aprendo così le condizioni favorevoli al successo del progetto di fusione di PSA e FCA”, ha affermato Xavier Chéreau, direttore delle risorse del gruppo PSA. Il progetto deve ancora essere oggetto di una riunione informativa del comitato aziendale europeo di PSA il 26 novembre.

La fusione proposta dovrebbe consentire al produttore francese di formare un nuovo colosso automobilistico globale, su una parità di capitale, il tutto senza chiudere nessun impianto. Con 8,7 milioni di veicoli venduti con i marchi Fiat, Alfa Romeo, Chrysler, Citroen, Dodge, DS, Jeep, Lancia, Maserati, Opel, Peugeot e Vauxhall. “Da un punto di vista industriale, economico, finanziario, questo ha senso”, afferma Franck Don, CFTC, 4 ° sindacato all’interno del PSA. “Da un punto di vista sociale, dovremo aspettare per sapere quali saranno le sinergie e le loro conseguenze”, osserva il delegato sindacale.

“Abbiamo chiesto maggiori dettagli dopo il protocollo d’intesa”, ha detto il testo prima della firma finale del contratto di fusione, ha dichiarato Anh-Quan Nguyen, CFE-CGC (2a unione). “Non siamo mai stati di fronte a una fusione di queste dimensioni” , motivo per cui i sindacati vogliono beneficiare dell’esperienza sull’impatto sociale del progetto, ha aggiunto.