in

Formula 1 a zero emissioni entro il 2030

Formula 1

Il mondo dell’automobile è in continua evoluzione e la Formula 1 lo sa. Servono undici anni per raggiungere una Formula 1 ideale dal punto di vista ambientale, ad impatto zero. È una svolta ecologica quella annunciata dal Circus e coincide con un piano di sostenibilità dotato di grandi ambizioni, utile a segnare le zero emissioni di carbonio entro il 2030.

Si tratta di un nuovo obiettivo per Liberty Media, dopo i cambiamenti regolamentari che finalmente arriveranno nel 2021. Il nuovo piano arriva dopo dodici mesi di grande lavoro a stretto contatto con la FIA, con esperti del settore e con gli stessi team di Formula 1. Oltre che con promoter e partner commerciali. Bisogna anche dire che i progetti necessaria alla riduzione delle emissioni inizieranno nel brevissimo termine per cominciare a tracciare la strada della prossima Formula 1, quella ecologica.

Soddisfazione da Liberty Media e FIA

Il CEO, e presidente, della Formula 1 Chase Carey con una dichiarazione sul profilo Twitter della Formula 1 ha dichiarato che Liberty Media “riconosce il ruolo critico cruciale che un’organizzazione come la Formula 1 deve affrontare nella questione globale”. Sempre Carey ha poi proseguito dicendo che “gli attuali propulsori ibridi sono i più efficienti al mondo, per potenza e consumi di carburante, rispetto ad ogni altra auto”.

La Formula 1 ha da sempre avuto un ruolo di primaria importanza nella gestione di processi poi visti anche sulle auto “normali”. In casa Liberty Media ritengono infatti che il Circus possa continuare a ricoprire questo ruolo, sviluppando ora il primo propulsore ibrido a combustione interna capace di zero emissioni di carbonio.

Carey e Todt
Chase Carey e Jean Todt

Non manca poi l’apprezzamento di Jean Todt, a capo della FIA: “Il nostro impegno a favore della protezione dell’ambiente è cruciale. La FIA oggi accoglie positivamente questa nuova iniziativa della Formula 1. Non solo per il futuro del motorsport, ma anche perché potrebbe avere forti benefici per la società. La strategia è in linea con le iniziative avviate già anni fa dalla FIA con la creazione dell’Environmental Accreditation Programme, poi con la Commissione Ambiente e Sostenibilità.

Sostenibilità già nel 2025

L’attuale filosofia motoristica della Formula 1, legata al concetto di power unit, potrebbe aprire la strada all’utilizzo di carburanti sostenibili avanzati. Oltre che all’adozione di sistemi di recupero di energia sempre più performanti, quindi in favore di un processo rivolto alla ricerca delle zero emissioni di carbonio.

Il nuovo piano di Liberty Media prevede anche l’adozione di concrete azioni per una logistica ultra efficiente, strutture e fabbriche rinnovabili. In questo modo bisognerà garantire già entro il 2025 che tutti gli eventi diventino sostenibili, puntando all’eliminazione della plastica monouso e al corretto smaltimento dei rifiuti.

Formula 1 Ecologica

In più la stessa Formula 1 sarà in grado di garantire incentivi e strumenti per permettere ai fan di utilizzare sistemi più ecologici per raggiungere le piste. Insomma, siamo di fronte ad un cambiamento epocale.