in

Fiat Chrysler-PSA: a Carlos Tavares spetterà un’impresa titanica

Tanto lavoro in arrivo per Carlos Tavares una volta che la fusione tra Fiat Chrysler e PSA sarà completata

Carlos Tavares
Carlos Tavares

Il difficile sta arrivando per Carlos Tavares. Una volta conclusa la mega fusione annunciata tra PSA e Fiat Chrysler, il futuro capo del nuovo gruppo non dovrà solo garantire che gli azionisti della famiglia sostengano gli investimenti necessari, ma anche rilanciare un marchio che ha perso molto terreno in Europa e portare a difficili ristrutturazioni. Carlos Tavares ha assicurato che i suoi futuri azionisti non saranno troppo avidi di dividendi e, se necessario, accetteranno un calo della redditività. Questo perché il gruppo dovrà fare grossi investimenti nell’auto del futuro.

“Questa sarà la sua sfida più importante” , afferma Bernard Jullien, esperto del settore e docente senior all’Università di Bordeaux. “Se Fiat Chrysler è ora in crisi in Europa, è perché il compianto Sergio Marchionne, il precedente capo del gruppo, ha dovuto limitare gli investimenti sotto la pressione della famiglia. Questo è anche ciò che ha scatenato in PSA la grave crisi dopo il 2008.

Finora, Carlos Tavares (che è entrato a far parte del gruppo nel 2013) è stato preservato da tale pressione grazie alla struttura equilibrata della partecipazione azionaria creata dopo la crisi, dando alla famiglia Peugeot, a Dongfeng e allo Stato francese tramite bpifrance, il 12% del capitale ciascuno. PSA nominerà insieme la maggioranza dei consiglieri del futuro (6 su 11, incluso Carlos Tavares), ma il capo del futuro gigante potrebbe comunque dover combattere. Tavares dovrà rilanciare Fiat Chrysler in Europa.

“Abbiamo visto di cosa è stato capace con Opel”, afferma Romain Gillet, analista di IHS Markit. La nuova Opel Corsa presentata a Francoforte a settembre è stata completamente riqualificata su una piattaforma PSA dopo l’acquisizione del produttore tedesco nell’estate del 2017. Ma per questo i team hanno lavorato duramente. Avranno l’energia per rinnovare l’impresa con Fiat? si chiedono in tanti.

Entrambi i gruppi hanno promesso che la mega fusione non comporterà la chiusura di impianti, il che non significa che tutti i posti di lavoro saranno preservati. Tuttavia, lgli stabilimenti di FCA in Italia non lavorano a pieno regime (il loro tasso di utilizzo è di circa il 60%, secondo Bernard Jullien) e non è sicuro che gli investimenti annunciati saranno sufficienti per garantire lavoro per tutti i dipendenti. “Dovranno ristrutturare, temo la reazione del governo italiano” , afferma Gaëtan Toulemonde, analista di Deutsche Bank. Non è sicuro che l’esperienza di Opel (dove il PSA ha tagliato 6.000 posti di lavoro) sia di grande beneficio. “L’Italia ha il 15% di disoccupati, contro il 3% in Germania”, osserva l’analista. Insomma tanta carne sul fuoco per Carlos Tavares che avrà tanto da fare nei prossimi anni.

 

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento