in

Ferrari Testarossa: ecco un esemplare reale con assetto ribassato

Uno degli esemplari più particolari e spinti della berlinetta a motore centrale di Maranello

Ferrari Testarossa assetto ribassato

Se avete dato un’occhiata all’immagine in evidenza di questo articolo, potreste aver subito pensato che si tratta dell’ennesimo render. In realtà abbiamo di fronte una vera Ferrari Testarossa con assetto ribassato.

Nelle ultime settimane abbiamo visto in rete diversi render che ritraggono vetture particolari e alcune di esse rappresentano le icone del passato sotto una nuova veste. Proprio all’inizio della settimana scorsa è emerso in rete un progetto digitale che mostra proprio una Testarossa con kit widebody.

Ferrari Testarossa assetto ribassato
Ferrari Testarossa posteriore

Ferrari Testarossa: fotografato in Giappone un esemplare dotato di sospensioni pneumatiche

Il Giappone sembra essere il luogo da cui proviene questo esemplare della famosissima vettura di Maranello e di molte altre bizzarre creazioni. Ci sono due caratteristiche che differenziano principalmente questa Ferrari Testarossa dall’originale annunciata dal cavallino rampante nel 1984 durante il Salone di Parigi.

Il primo è il ridottissimo spazio che c’è fra le gomme e gli archi dei passaruota mentre il secondo è l’altezza di guida che sicuramente non rende la guida sicura poiché basterebbe anche un piccolo ostacolo per provocare danni.

Per fortuna questa Ferrari Testarossa dispone di sospensioni pneumatiche, quindi il guidatore può regolare l’altezza da terra a proprio piacimento per evitare spiacevoli inconvenienti.

Ferrari Testarossa assetto ribassato
Ferrari Testaross cerchi

Per quanto riguarda i cerchi, questi provengono dal catalogo di un famoso costruttore. Facendo un rapido giro sul profilo Instagram di Kazuki Ohashi, inoltre, possiamo vedere altre Ferrari che hanno ricevuto lo stesso trattamento della Testarossa. Esempi sono la F360, la 328 GTS e la F355.

A parte queste due modifiche, sembra che la vettura sia rimasta invariata dal punto di vista estetico e tecnico. Ciò significa che sotto il cofano è presente ancora il motore V12 da 4.9 litri capace di sviluppare una potenza di 390 CV a 6300 giri/min e 490 nm di coppia massima a 4500 giri/min, abbinato a un cambio manuale a 5 rapporti + retromarcia e alla trazione posteriore.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento