in

Vettel: i punti ciechi degli specchietti lasciano i piloti al buio in alcuni casi

Sebastian Vettel ha detto che c’è ancora un elemento di grande incertezza quando si cerca di determinare se un altro pilota sta arrivando da dietro

Sebastian Vettel
Sebastian Vettel

Sebastian Vettel ha detto che c’è ancora un elemento di grande incertezza quando si cerca di determinare se un altro pilota sta arrivando da dietro su entrambi i lati a causa del punto cieco negli specchietti delle monoposto di Formula 1. Al Gran Premio del Messico, il tedesco è stato ad un passo allo scontro con Lewis Hamilton poco dopo la partenza, ma entrambi i piloti sono riusciti ad evitarsi. Vettel insiste sul fatto che i conducenti non possono sempre essere sicuri al 100% di dove si trovano.

“Penso che il punto cieco sia vecchio quanto l’invenzione dello specchietto, quindi non sono sicuro che possiamo fare molto al riguardo”, ha detto il pilota Ferrari dopo la gara in Messico. “Penso che ovviamente al primo giro molti provino ad indovinare dove si trovano le altre persone. Soprattutto quando si va in curva. Il più delle volte vediamo che funziona, a volte no. Penso che tutti cerchiamo di fare del nostro meglio. Sappiamo che non possiamo vincere la gara nella prima curva, ma possiamo perderla. Non credo che tu possa fare molto al riguardo.”

A proposito del possibile scontro con Hamilton, Vettel ha dichiarato: “Non l’ho visto. È venuto anche dopo la gara e me lo ha chiesto, ma non avevo intenzione di buttarlo fuori o altro”, ha spiegato. ” “Vediamo abbastanza bene negli specchietti ma c’è ancora ovviamente un angolo che non puoi vedere.”

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento