in

Binotto sottolinea l’importanza di “convertire le pole in vittorie”

Mattia Binotto ha sottolineato l’importanza di convertire le pole position in vittorie in gara

Mattia Binotto

Il caposquadra del team Ferrari Mattia Binotto ha sottolineato l’importanza di convertire le pole position in vittorie in gara, dal momento che il suo team ha ottenuto tutte e cinque le pole dalla pausa estiva, ma è riuscito a vincere solo tre di quelle gare, con la Mercedes che è tornata a vincere gli ultimi due Gran Premi. La squadra italiana ha già perso entrambi i campionati in questa stagione, con il cavallino rampante sta ancora cercando il suo primo titolo dal campionato costruttori 2008.

Tuttavia, hanno assistito a un notevole aumento delle prestazioni dopo la pausa estiva, vincendo tre gare consecutive e conquistando tutte e cinque le pole position disponibili dall’estate. Tuttavia, poiché gli ultimi due weekend del Grand Prix in Russia e Giappone si sono conclusi con la vittoria della Mercedes, la Ferrari deve tornare a vincere, poiché Binotto sottolinea l’importanza di ottenere non solo la pole position, ma anche di convertirla in punti domenica.

“Dopo due gare in cui avremmo potuto fare di meglio, arriviamo in Messico determinati a vincere”, ha ammesso il 49enne. “Punteremo alla nostra sesta pole consecutiva, prima di cercare di convertirla in una vittoria.” L’Autodromo Hermanos Rodriguez presenta molte sfide sia per i piloti che per i meccanici, con la pista stessa e le condizioni che la circondano che rendono uno dei weekend più difficili in termini di allestimento.

“La pista messicana ha molti elementi che possono sorprenderti, alcuni dei quali legati al fatto che stiamo correndo a oltre 2000 metri sul livello del mare. Ciò rende particolarmente complessa la messa a punto delle impostazioni sia sul telaio che sul lato Power Unit, in quanto i requisiti sono molto specifici per questa pista. Il circuito presenta una varietà di tipi di curve e lunghi rettilinei sui quali, anno dopo anno, è stato battuto il record relativo alle velocità massime. Il compromesso necessario tra avere una buona velocità massima e una deportanza sufficiente negli angoli determina le impostazioni aerodinamiche che porteremo in pista,” ha concluso Mattia Binotto.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento