in ,

Jay Leno mette alla prova due splendide auto da rally 100% italiane

Le Lancia Delta S4 e Fiat 131 Abarth sono le protagoniste del nuovo episodio di Jay Leno’s Garage

Lancia Delta S4 e Fiat 131 Abarth Jay Leno

Jay Leno ha avuto la possibilità di trascorrere del tempo con due icone italiane del rally: la Lancia Delta S4 del 1986 con livrea Martini e la Fiat 131 Abarth del 1978 con livrea Alitalia.

Le due vetture presenti nell’ultimo episodio di Jay Leno’s Garage appartengono entrambe al collezionista John Campion e sono sicuramente bellissime da vedere poiché tenute in perfette condizioni.

Lancia Delta S4 e Fiat 131 Abarth: Jay Leno guida due storiche auto da rally italiane

Partendo dalla più famosa fra le due, la Lancia Delta S4 veniva utilizzata nel Gruppo B del campionato di rally. Sotto il cofano è presente un motore a 4 cilindri da 1.8 litri abbinato a un turbocompressore e un compressore. Pensate che la vettura è in grado di sviluppare una potenza di ben 550 CV attraverso un cambio manuale a 5 rapporti e la trazione integrale.

La Delta S4 è stato il modello successivo alla famosa famiglia 037 ed è la vettura da rally finale del Gruppo B che la casa automobilistica torinese ha costruito prima della fine del campionato. Il veicolo ha ottenuto una vittoria in gara durante la stagione 1985 e 3 l’anno successivo.

La Lancia Delta S4, però, uscì subito di scena per via di un incidente fatale durante il Tour de Corse che ha portato la FIA ad eliminare il Gruppo B.

Per quanto riguarda la Fiat 131 Abarth, si tratta di un’auto da rally appartenente al Gruppo 4. L’esemplare provato da Jay Leno ha subito un restauro. Sotto il cofano è presente un propulsore a 4 cilindri aspirato naturalmente da 2 litri che eroga una potenza di 275 CV. Al powertrain è stato abbinato un cambio manuale lineare.

Anche se non può essere paragonata alla Delta, la 131 Abarth resta un veicolo davvero speciale. Si tratta di una versione della berlina Fiat 131 elaborata dallo Scorpione e realizzata in soli 400 esemplari tra il 1976 e il 1978. Durante la sua carriera, la vettura riuscì a conquistare 3 mondiali costruttori, una Coppa FIA Piloti e un mondiale piloti tra il 1976 e il 1982.