in

Ferrari pubblica due richiami per 300 auto in Australia

La Ferrari ha emesso due richiami per circa 300 auto in Australia a causa di preoccupazioni riguardanti una perdita di carburante e difetti relativi all’airbag

Ferrari
Ferrari

La Ferrari ha emesso due richiami per circa 300 auto in Australia a causa di preoccupazioni riguardanti una perdita di carburante e difetti relativi all’airbag. La Commissione australiana per la concorrenza e i consumatori afferma che il primo dei richiami riguarda un’interruzione dell’alimentazione all’interno della centralina airbag prodotta da TRW che potrebbe causare l’attivazione o la disattivazione degli airbag dei veicoli e / o delle pretese delle cinture di sicurezza e la corrispondente spia sul quadro strumenti per accendere. Se gli airbag e le cinture di sicurezza non funzionano correttamente, i passeggeri corrono un rischio maggiore di subire lesioni in caso di incidente.

Questo richiamo riguarda un totale di 65 veicoli in tutto il paese e include i modelli 458 Speciale 2016, 458 Speciale Spider 2016, 488 GTB 2016-2018, California T 2016-2018, 488 Spider 2017-2018 e F12 Berlinetta 2016-2017. La seconda campagna incide su un totale di 235 veicoli. I modelli interessati sono 488 GTB, 488 Spider, 488 Pista, GTC4Lusso, GTC4Lusso T e 812 Superfast venduti dal 1 novembre 2017 al 31 ottobre 2018.

Secondo la Ferrari, questi veicoli potrebbero avere un difetto di fabbricazione che provoca un’anomalia nel carburante separatore di vapore tra il contenitore delle emissioni e il serbatoio del carburante. Pertanto, esiste la possibilità che il vapore di carburante possa fuoriuscire, aumentando il rischio di incendio. La casa di Maranello organizzerà una sostituzione della centralina airbag TRW da installare per risolvere il primo problema e sostituirà il separatore di vapore di carburante nei modelli interessati dal secondo richiamo.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento