in

Ram: richiamate 560 unità per perdite nelle tubazioni

FCA ritirerà unità della gamma Ram per difetti nelle tubazioni del carburante

Ram

Chrysler sta richiamando circa 560 unità dei pick-up Ram 2500 e 3500 del 2019, e i veicoli con telaio cabina 3500, 4500 e 5500 equipaggiati con motori diesel e tubazioni del carburante che provocherebbe perdite nei vani motore. Una singola fonte di accensione potrebbe facilmente scaturire un incendio.

Fiat Chrysler ritira i pick-up Ram

Fiat Chrysler (FCA) ha avviato un’indagine a maggio dopo una segnalazione di perdite di tubazioni di carburante presso il fornitore di propulsori diesel, Cummins. Si è determinato che la perdita proveniva da una linea di alimentazione con raccordi terminali formati in modo errato non in grado di chiudersi correttamente.

Sebbene le perdite consistano in “gocciolamenti”, il carburante può ancora colpire i componenti del motore e provocare incendi nel vano. Circa 498 pick-up Ram verranno richiamati negli Stati Uniti e 63 in Canada, a partire dal 16 agosto 2019, quando i concessionari sostituiranno tutte le linee di carburante interessate. CarComplaints.com ha denunciato i produttori.

Piove sul bagnato

Non è un periodo fortunato per Fiat Chrysler, recentemente citata in giudizio per un risarcimento pari a 100 milioni di dollari dalla famiglia di un signore 73enne, morto il 17 luglio 2017 per avvelenamento da monossido di carbonio, dopo aver lasciato la Dodge Journey accesa in garage.

Anche se la causa afferma che “mancava un adeguato avvertimento del sistema di accensione senza chiave della Dodge Journey”, il libretto delle avvertenze indica tuttavia che bisogna sempre accertarsi dello spegnimento prima di lasciare il mezzo. “Prima di uscire dall’auto, azionare sempre il freno di stazionamento, impostare il cambio automatico in PARK o il cambio manuale in REVERSE. Assicurarsi sempre che il nodo di accensione keyless sia in modalità “OFF “, rimuovere la chiave dal veicolo e bloccare la trasmissione”. La denuncia contro Fiat Chrysler è stata depositata presso la Corte distrettuale degli Stati Uniti in Virginia.

 

Sembra che tu abbia bloccato le notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento