in

Ferrari conferma che non farà ricorso contro la sanzione a Vettel, ma studia un altro tipo di protesta

La scuderia del cavallino rampante studia altre soluzioni per avere giustizia

Sebastian Vettel e Lewis Hamilton

Ferrari non sembra disposta a dimenticare la penalità ricevuta da Sebastian Vettel nell’ultimo Gran Premio del Canada, dove il tedesco ha tagliato il traguardo in prima posizione, ma ha perso la vittoria a causa dell’applicazione di una sanzione di cinque secondi per una manovra giudicata come pericolosa dai commissari di gara.  Sebastian Vettel ha mostrato tutta la sua delusione durante e dopo la gara. Il team principal di Ferrari, Mattia Binotto, aveva in un primo momento confermato che la scuderia del cavallino rampante avrebbe fatto ricorso contro la penalizzazione. Tuttavia, il regolamento impedisce l’appello delle decisioni prese durante la corsa, così alla fine hanno deciso di non appellarsi.

Ferrari non farà ricorso contro la decisione dei commissari di gara ma studia altre soluzioni

Ma ciò non significa che la Ferrari stia girando pagina, perché studia come fare uso dell’articolo 14.1.1 del Codice Sportivo Internazionale FIA, che consente a tutti i partecipanti alle competizioni coperte da quell’organismo di beneficiare del diritto di rivedere qualsiasi decisione presa dai commissari. Per questo, il team di Maranello dovrebbe presentare nuove prove che giustifichino la revisione del caso. Il termine per cui la Ferrari deve fare uso di questo diritto è di due settimane dalla decisione iniziale, quindi la scadenza si concluderà il prossimo 23 giugno, il giorno della celebrazione del Gran Premio di Francia. Vedremo dunque quali sviluppi arriveranno nei prossimi giorni su questa vicenda.