in

Binotto: Montreal rinforza la fiducia della Ferrari nonostante la penalità di Vettel

Nonostante la penalità di Vettel che è costata il Gran Premio, il team principal di Ferrari si dice soddisfatto dei progressi

Mattia Binotto - Ferrari

Una penalità di cinque secondi per Sebastian Vettel al Gran Premio del Canada del 2019 alla fine ha negato a Mattia Binotto la possibilità di supervisionare la sua prima vittoria della Ferrari come Team Principal della scuderia del cavallino rampante. Ma nonostante ciò Binotto dice di avere molti aspetti positivi di cui essere lieto dopo il Gran Premio di Montreal. Il Canada ha visto la Ferrari godersi il primo chiaro vantaggio prestazionale su Mercedes dal Gran Premio del Bahrain a marzo, con Vettel che si è assicurato la pole position con oltre due decimi su Lewis Hamilton, prima di ottenere un vantaggio netto in tutto il Grand Prix. Ma, come il Bahrain, la gara finisce per deludere la Scuderia, con Vettel che ha tagliato il traguardo al primo posto prima di essere retrocesso in seconda posizione a causa di una penalità di cinque secondi, consegnatogli per essere rientrato nel circuito tagliando una cichane dopo un errore che lo aveva temporaneamente portato fuori pista al 48 ° giro.

Il team principal di Ferrari contento della prestazione delle sue monoposto

Dopo la gara, la Ferrari ha annunciato che intendeva appellarsi alla decisione degli steward, ma a prescindere da quello che sarà il risultato del ricorso, Binotto è rimasto contento di vedere per la prima volta quest’anno una delle sue auto, e non una Mercedes, per la prima volta passare la bandiera a scacchi. “Lasciamo il Canada sapendo che oggi, come del resto per tutto il weekend, abbiamo dimostrato di essere competitivi e questo fatto è sicuramente un fattore di fiducia per tutta la squadra”, ha detto Binotto. “Eravamo i più veloci in pista oggi e questo è importante. Sappiamo che ci sono punti deboli da affrontare, ma la stagione non è finita.”