in

Sebastian Vettel: “La F1 non è più lo sport di cui mi sono innamorato”

Sebastian Vettel è apparso molto deluso da quello che è successo nel Gran Premio di Formula 1 del Canada

Sebastian Vettel

Sebastian Vettel è apparso molto deluso da quello che è successo nel Gran Premio di Formula 1 del Canada dove a causa di una penalità di 5 secondi ha dovuto consegnare la vittoria nelle mani di Lewis Hamilton che invece in pista è arrivato secondo. “In definitiva, la Formula 1 non è più lo sport di cui mi sono innamorato”, ha detto sconsolato il pilota tedesco di Ferrari. Anche se Vettel ha oltrepassato per primo la bandiera a scacchi, Hamilton è stato dichiarato vincitore. Alcuni hanno caratterizzato la successiva reazione post-gara di Vettel come infantile. Molti altri invece hanno sostenuto con veemenza il 31enne.

“Chiunque abbia corso sa che Sebastian Vettel ha ragione”, ha detto a Iltalehti l’ex pilota di F1 JJ Lehto. Beat Zehnder, team manager Alfa Romeo, ha dichiarato al quotidiano Blick: “La decisione è una barzelletta, è così che si distrugge il nostro sport”. La Ferrari ha promesso di fare appello per la vittoria persa, ma Zehnder ha detto: “I regolamenti chiariscono che non è possibile appellarsi a questo tipo di decisione a meno che emergano nuove prove”.

Anche altri ex conducenti hanno chiarito i loro sentimenti. Nigel Mansell ha detto che i commissari hanno creato un “risultato falso”, Mark Webber l’ha definito “penalità mentale”, mentre Mario Andretti ha detto che la decisione è “non accettabile”. Il boss della Ferrari, Mattia Binotto, ha dichiarato: “Ciò che fa davvero male è che in casi simili in passato sono state prese decisioni diverse”. Anche Toto Wolff sembrava a disagio con la decisione, anche se ha detto che le decisioni degli steward dovrebbero essere accettate. “Al posto di Sebastian Vettel, avrei afferrato il cartello con il numero 1 e l’avrei lanciato sulla macchina”, ha detto. “Se c’è una proposta per adeguare le regole a favore di una lotta più dura, sarò il primo a sostenere tale idea, perché maggiore è il pericolo, maggiore è l’intrattenimento”. Lewis Hamilton ha detto che la polemica post-gara gli ha lasciato “un sentimento vuoto”.