in

Binotto rivela i cambiamenti alla struttura della Ferrari

Nei mesi scorsi Binotto ha rimescolato la struttura tecnica della squadra nel tentativo di tornare ai vertici della Formula 1

Mattia Binotto - Ferrari
Mattia Binotto - Ferrari

Il team principal della Ferrari, Mattia Binotto, ha rimescolato la struttura tecnica della squadra nel tentativo di tornare ai vertici della Formula 1. Binotto è subentrato come direttore a Maurizio Arrivabene all’inizio di quest’anno, ma il suo regno è partito in maniera non spettacolare. La scuderia non ha ancora trovato la vittoria nel 2019, mentre i rivali di Mercedes hanno conquistato tutti i Gran Premi fin qui disputati ottenendo un confortevole vantaggio nei Campionati Costruttori e Piloti. Per molti anni in Ferrari è stato implementato un sistema di gestione orizzontale per promuovere nuovi input da parte del personale junior, ma Binotto ha deciso di cambiare le cose nominando figure chiave in specifiche aree in modo da potersi concentrare maggiormente sui piani a lungo termine. In un’intervista con la Gazzetta dello Sport, il numero uno della Ferrari ha dichiarato: “Da gennaio ci siamo riorganizzati. Non c’è più la famosa struttura classica orizzontale.

“Abbiamo identificato quattro o cinque figure che sono diventate i miei punti di riferimento nelle varie aree. Sono utile per filtrare le informazioni e pensare al futuro. “Il 2021 è dietro l’angolo con nuovi regolamenti, macchine che potrebbero essere radicalmente diverse e il limite di budget che ci costringerà a rivedere alcuni processi di produzione”. Binotto non ha confermato l’identità di queste figure chiave, ma Motorsport.com suggerisce che la struttura è formata da Laurent Mekies che supervisiona le questioni relative ai circuiti, Enrico Cardile responsabile di tutto quello che riguarda il telaio, David Sanchez per l’aerodinamica ed Enrico Gualtieri per i motori.

L’italiano era anche pronto a sottolineare che la Ferrari si trova ora in una posizione simile a quella che ha affrontato poco prima che iniziasse il dominio di Michael Schumacher. “Preferisco fare un confronto con la Ferrari 1996/97”, ha detto. “Un team in crescita, con solide fondamenta. Anche noi siamo una squadra giovane e affamata. Vedo molte somiglianze con allora. “Per visione, voglia di fare, passione e talento vedo di nuovo quel periodo.” Per quanto riguarda il resto del 2019, il team è fiducioso che le gomme stanno causando il distacco dalla Mercedes, ma spero che una serie di aggiornamenti ci permetterà di trovare la finestra operativa per la gomma Pirelli. ” Non ci sarà una Ferrari B , una vettura completamente modificata, ma solo una serie di sviluppi nelle prossime gare per migliorare l’uso delle gomme”, ha detto. “Abbiamo idee e dobbiamo sbrigarci, ma ci vorranno alcune settimane”.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento