in

La Francia insiste che qualsiasi accordo Renault / Fiat deve proteggere i posti di lavoro francesi

Il ministro delle finanze francese Bruno Le Maire ha confermato che il governo francese proteggerà gli interessi del paese in caso di fusione

Fusione FCA Renault 2019

La Francia deve proteggere i propri interessi e posti di lavoro in qualsiasi fusione tra Renault e Fiat Chrysler, anche se la partecipazione della Francia in Renault si diluirebbe automaticamente, ha detto oggi il ministro delle finanze francese Bruno Le Maire alla radio di RTL. Le Maire ha detto che il governo francese chiederà alcune importanti garanzie per dare il suo assenso ad un eventuale accordo, compresa la protezione dei posti di lavoro francesi, assicurandosi che la Francia sia ben rappresentata nel consiglio di amministrazione della nuova entità e garantendo che il nuovo gruppo possa diventare un leader nel sviluppo di batterie elettriche.

“Ho detto molto chiaramente al presidente della Renault che la prima garanzia che desideravo da lui nell’apertura di questi negoziati era quella relativa alla salvaguardia dei posti di lavoro e dei siti industriali in Francia “, ha affermato Le Maire. Le Maire ha confermato che se l’accordo andrà avanti, la partecipazione della Francia in Renault sarebbe scesa al 7,5% dal 15% attuale.

Le Maire vuole un impegno da parte del presidente della Renault Jean-Dominique Senard che nessuna fabbrica Renault in Francia chiuderà e che gli interessi francesi saranno ben rappresentati nella guida di una nuova società Renault / Fiat. Il nuovo gruppo sarebbe presieduto dal discendente della famiglia Agnelli, John Elkann mentre il presidente della Renault Jean-Dominique Senard probabilmente verrà scelto amministratore delegato.