in

Alfa Romeo Giulia e Giulietta: i numeri della crisi in Europa

Ecco quanto hanno venduto Giulia e Giulietta nel corso del primo trimestre del 2019 in Europa

Alfa Romeo Giulia vendite

Alfa Romeo sta registrando risultati di vendita ben al di sotto delle attese in questa prima parte del 2019. Come abbiamo visto pochi giorni fa, infatti, la casa italiana ha chiuso il mese d’aprile in netto calo confermando gli scarsi risultati ottenuti nel corso del primo trimestre del 2019. 

In attesa dell’arrivo dei dati completi di aprile, possiamo analizzare i dati del primo trimestre dell’anno per verificare lo stato delle vendite dei modelli Alfa Romeo ed, in particolare, dei due modelli in maggiore difficoltà: l’Alfa Romeo Giulia e l’Alfa Romeo Giulietta. 

Giulia e Giulietta dovrebbero rappresentare l’essenza del marchio Alfa Romeo che ha una storia di vetture sportive alle spalle e non certo di SUV come lo Stelvio che, invece, sta ottenendo risultati nettamente migliori per quanto riguarda le vendite in Europa ed in Nord America.

I numeri parlano chiaro e confermano che il calo di vendite di Alfa Romeo è legato a doppio filo alle performance di Giulia e Giulietta. Il marchio italiano ha chiuso il primo trimestre con un totale di quasi 15 mila unità vendute in Europa registrando un calo del 40.7%. Sia Giulia che Giulietta registrano un calo più marcato.

Partiamo dall’Alfa Romeo Giulia. La berlina di segmento D della casa italiana, infatti, ha chiuso il primo trimestre del 2019 con un totale di 2.911 unità vendute in Europa. Rispetto ai dati registrati nel corso del primo trimestre del 2018, la Giulia mette in evidenza un calo percentuale delle consegne pari al -45%. 

Si tratta di un risultato che chiarisce, una volta e per tutte, le difficoltà di crescita della Giulia che, penalizzata dall’assenza di una variante station wagon che avrebbe dato un contributo importante alle vendite in Europa, non riesce a tenere il ritmo delle dirette concorrenti, almeno per quanto riguarda i volumi di vendita.

Le principali rivali della Giulia sono decisamente più avanti. BMW, Mercedes ed Audi con la loro gamma di segmento D ruotano attorno alle 40 mila unità vendute nel trimestre mentre Volvo ha raggiunto le 15 mila unità vendute tra S60 e V60. Anche Tesla è avanti con oltre 18 mila unità vendute di Model 3. Alfa Romeo vende, nel segmento, più di Jaguar e Lexus ma il calo percentuale registrato dalla Giulia è il peggior risultato di tutti i modelli presenti in questa porzione di mercato.

La Giulia è ancora nel pieno della sua carriera e potrebbe ricevere a breve (probabilmente nel 2020) un restyling di metà carriera che dovrebbe essere caratterizzato da una revisione degli interni e dal debutto di una variante ibrida, una risorsa importante per il futuro della vettura. L’assenza di una versione station wagon limiterà, in ogni caso, le potenzialità della Giulia in Europa. 

Alfa Romeo Giulietta Launch Edition (1)

Passando al segmento C ed alle vendite dell’Alfa Romeo Giulietta la situazione non migliora di certo. La Giulietta, che dalla fine del primo trimestre dell’anno è disponibile con il Model Year 2019 che ha aggiunto pochissime novità ad una vettura oramai prossima ai 10 anni, registra risultati decisamente negativi.

La segmento C della casa italiana, infatti, si ferma a 4.776 unità vendute nel corso dei primi tre mesi dell’anno evidenziando un calo percentuale pari al 41% rispetto ai dati ottenuti nel corso del primo trimestre dello scorso anno. Da notare, inoltre, che al di fuori dei confini italiani le vendite della Giulietta sono ridotte ai minimi termini. Quasi il 65% delle unità vendute di Giulietta, infatti, sono state distribuite in Italia. 

Ricordiamo che l’Alfa Romeo Giulietta ha ottenuto nel corso del 2018 il suo peggior risultato di sempre per unità vendute, fermandosi a circa 26 mila unità distribuite in Europa. Considerando i dati del primo trimestre, la segmento C potrebbe faticare a raggiungere quota 20 mila unità vendute nel corso del 2019 sul mercato europeo. 

La Giulietta, a differenza della Giulia, non ha davanti a sé una carriera molto lunga. Il restyling arrivato a marzo potrebbe essere l’ultimo vero aggiornamento per la segmento C prodotta a Cassino che potrebbe uscire dal mercato già nel corso del prossimo anno per far spazio alla versione di serie dell’Alfa Romeo Tonale, destinato a raccogliere numeri di vendita ben superiori rispetto alla Giulietta attuale. 

Per un quadro più dettagliato sulle vendite di Giulia e Giulietta in Europa, con i dati anche del mese di aprile, sarà necessario attendere, molto probabilmente, ancora diverse settimane. Il prossimo appuntamento con i dati di vendita di Alfa Romeo è fissato per inizio giugno con la diffusione dei dati di maggio per l’Italia ed altri mercati internazionali. 

Fonte