in

Ferrari: la nuova ibrida disporrà di una tecnologia proprietaria

Maranello vuole assicurarsi un vantaggio di competitività nel settore delle ibride

LaFerrari 5 segreti

A fine mese, Ferrari presenterà ufficialmente la sua nuova Supercar ibrida. Tuttavia, ancora non sapevamo come Maranello intendesse operare.

Per fortuna Adam Jonas, analista di Morgan Stanley, ha chiesto informazioni direttamente a Louis Camilleri in occasione dell’ultima assemblea con gli azionisti. In particolare, Jonas ha chiesto all’amministratore delegato del cavallino rampante informazioni riguardanti l’acquisizione o lo sviluppo di batterie e software e all’eventuale collaborazione con partner.

LaFerrari Aperta 2016 asta

Ferrari: Louis Camilleri svela importanti informazioni sul futuro ibrido del brand

Alla domanda se Ferrari si occuperà direttamente delle sue vetture elettrificatee oppure si affiderà a tecnologie esterne, Louis Camilleri ha risposto: “Ebbene, chiaramente collaboriamo con i nostri fidati fornitori, ma penso che stiamo andando verso uno sviluppo interno più che un’acquisizione per assicurarci un vantaggio di competitività in termini di batterie e tutto il resto”.

Sicuramente in fase di presentazione della nuova ibrida, Ferrari svelerà tutte le caratteristiche nel dettaglio e solo lì potremo capire se è stata fatta una collaborazione con partner esterni per quanto riguarda la tecnologia hybrid.

Nel caso della sua prima hypercar ibrida, LaFerrari, la casa automobilistica modenese ha collaborato con Magneti Marelli portando il suo sistema HY-KERS che ha aggiunto 163 CV agli 800 CV erogati dal motore V12 da 6.3 litri per un totale di 963 CV (e oltre 900 nm di coppia massima). Non vediamo l’ora di scoprire maggiori informazioni sulla vettura!