in

Fiat Chrysler: la famiglia Agnelli non venderà la società

Secondo il Financial Times John Elkann non avrebbe intenzione di vendere ma cerca alleanze

Fiat Chrysler: John Elkann e Mike Manley

Nessuna cessione di Fiat Chrysler Automobiles da parte della famiglia Agnelli sarebbe all’orizzonte. Secondo il Financial Times al momento il Presidente del gruppo italo americano, John Elkann avrebbe in mente 3 ipotesi per la sua società. La prima prevede la condivisione di piattaforme e dei costi di ricerca e sviluppo con altri gruppi. La seconda ipotesi concerne una possibile fusione. La terza possibilità che viene tenuta in considerazione da John Elkann per il futuro di FCA riguarda la possibile collaborazione con un grosso gruppo tecnologico. 

Il Financial Times ha definito John Elkann come l’ultimo “baluardo della dinastia Fiat” e “il perfetto modello di un moderno industriale globale”. Elkann ha pure parlato dei momenti difficili che la sua società ha vissuto tra il 2002 e il 2004 quando ben 4 amministratori si alternarono al timone della casa italiana. Il quotidiano economico ha pure confermato che nel 2015 Fiat Chrysler ha cercato con insistenza un accordo di fusione con General Motors che però non è stato trovato.

Sergio Marchionne e John Elkann avrebbero gradito questo accordo per poter condividere i rischi e i costi relativi allo sviluppo delle nuove tecnologie. Attualmente il rampollo della dinastia Agnelli secondo il Financial Times è concentrato nella guida di FCA che deve affrontare la crisi delle vendite in Cina e la difficile transazione verso le auto elettriche e a guida autonoma.