in

Fiat Chrysler avrebbe rifiutato le proposte di PSA

Secondo il Wall Street Journal il gruppo italo americano avrebbe rifiutato le avances di PSA

PSA e FCA

Il gruppo PSA si sarebbe avvicinato quest’anno a Fiat Chrysler Automobiles per parlare di un’unione tra le due società, ma il costruttore automobilistico italo americano avrebbe respinto le avances dell’azienda transalpina, secondo quanto riporta il Wall Street Journal, citando persone che conoscono la questione. I dirigenti delle due società al momento non stanno più parlando, secondo il rapporto. I dirigenti di FCA non sarebbero favorevoli all’idea in quanto una fusione aumenterebbe l’esposizione al mercato europeo ormai saturo. Inoltre la famiglia Agnelli, che detiene una partecipazione di controllo in Fiat Chrysler, non è interessata a una transazione finanziata con azioni PSA, sempre secondo quanto riferisce il quotidiano.

Un’offerta di PSA avrebbe probabilmente bisogno di utilizzare l’equity per una transazione per impedire che il debito aumenti, poiché la casa automobilistica non ha ancora digerito l’acquisizione delle attività europee di General Motors. Il CEO di Fiat Chrysler, Mike Manley, ha dichiarato di non essere contrario a un accordo che renderebbe la società più forte. “Voglio trovare aree in cui la cooperazione, sia che si tratti di partnership, sia si tratti di joint venture o di livelli più profondi di cooperazione azionaria, abbia senso per noi e possa fornire veicoli migliori ai nostri clienti e un rendimento migliore ai nostri azionisti “, ha detto ai giornalisti Manley al salone dell’auto di Ginevra questo mese. “Sarei aperto ad una trattativa se le condizioni fossero queste.”

Una combinazione di FCA e PSA, “dal punto di vista del volume, avrebbe senso”, ha detto questo mese Richard Hilgert, senior equity analyst di Morningstar. Insieme le due società realizzerebbero quasi 9 milioni di veicoli all’anno, dando loro il potere di competere con Volkswagen, Toyota Motor e con l’alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi in un modo che nessuno dei due può fare da solo, ha detto. Questo sarebbe particolarmente importante nei segmenti delle auto piccole, entrambi importanti in Europa e in Sud America. E per il marchio Peugeot di PSA, progettando un ritorno in Nord America nel 2026, Hilgert ha detto che la rete di vendita al dettaglio statunitense di FCA “darebbe loro l’opportunità di presentare le proprie auto in una serie di concessionari”.