in

Fiat Chrysler venderà diesel anche dopo il 2022

Parziale marcia indietro da parte del CEO Mike Manley che smentisce l’addio ai diesel entro il 2022

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Parlando con il Financial Times direttamente dal Salone dell’auto di Ginevra 2019, l’amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles, Mike Manley, ha smentito l’addio ai diesel da parte del gruppo FCA entro il 2022. Manley ha detto che sebbene l’elettrificazione della gamma di FCA verrà messa in atto così come annunciato già a partire dal prossimo anno, l’addio ai diesel sarà graduale. Questo significa che se dopo il 2022 la richiesta di diesel sarà ancora alta, il gruppo italo americano continuerà a produrre le versioni a gasolio delle sue auto, ma solo di quelle le cui richieste sono abbastanza elevate.

La decisione di Mike Manley servirà ad evitare un calo delle vendite per Fiat Chrysler che altrimenti si potrebbe verificare nel caso in cui la società interrompesse di colpo le vendite di diesel quando ancora queste in Europa continuassero ad avere molte richieste. Ricordiamo però che dal 2020 nella gamma di FCA prenderà il via la rivoluzione elettrica con l’arrivo dei primi modelli EV ed ibridi. Tra questi ricordiamo che il primo ad arrivare sarà Fiat 500 elettrica, a seguire Maserati Alfieri che sarà prodotta a Modena in versione ibrida ed elettrica al 100 per cento. A Cassino Alfa Romeo Stelvio e Giulia ibridi e a Melfi Jeep Compass e Renegade ibride. 

Ti potrebbe interessare: Fiat Centoventi non sostituirà la Panda, parola di Mike Manley