in

Fiat Chrysler: a Pomigliano mancano i pezzi, produzione sospesa

La produzione di Fiat Panda è stata infatti sospesa a causa di uno sciopero che ha mandato in tilt lo stabilimento

Fiat Chrysler Pomigliano
Fiat Chrysler Pomigliano

Questa settimana è iniziata nel peggiore dei modi per lo stabilimento Fiat Chrysler di Pomigliano. La produzione di Fiat Panda è stata infatti sospesa a causa di uno sciopero che ha mandato in tilt lo stabilimento per l’assenza di alcuni componenti fondamentali per la realizzazione della celebre vettura. Infatti mancano i pezzi assicurati dal reparto stampaggio. Quest’ultimo ha deciso di protestare a causa dell’aumento dei turni di produzione che passano da 10 a 12 ma senza alcuna concessione di straordinari per il lavoro effettuato negli orari notturni e nei giorni festivi. 

Stop alla produzione a Pomigliano nelle scorse ore

Sostenuti dalla Fiom  gli operai dello stampaggio dello stabilimento Fiat Chrysler di Pomigliano hanno scioperato per tre turni tra giovedì 27 e venerdì 28 febbraio. Questo ha causato la mancanza di componenti per la fabbrica che dunque lunedì ha dovuto interrompere la produzione. Lunedì 4 marzo, la produzione è stata sospesa per tutto il primo turno, dalle 6 alle 14. Ricordiamo che dal prossimo anno a Pomigliano accanto a Fiat Panda verrà prodotto anche il nuovo suv di Alfa Romeo che proprio domani sarà presentato al Salone dell’auto di Ginevra in versione concept car.

Ti potrebbe interessare: Alfa Romeo C-SUV si farà, FCA conferma ufficialmente la produzione a Pomigliano del veicolo

FCA pomigliano