in ,

Fiat, Jeep, Alfa Romeo sono i marchi che creano maggiore insoddisfazione ai concessionari in UK

In UK i tre marchi del gruppo Fiat Chrysler sono quelli che soddisfano meno i propri rivenditori

Fiat, Alfa Romeo e Jeep

Molti concessionari in franchising nel Regno Unito continuano ad avere una crisi di fiducia in Fiat, Alfa Romeo e Jeep, in quanto l’ultima NFDA Dealer Attitude Survey rivela che il trio del Gruppo FCA è il peggiore tra i risultati complessivi sul punteggio medio di soddisfazione. Al contrario, i franchisee con Kia, Toyota, Mercedes-Benz e Lexus sono quelli che si dichiarano maggiormente soddisfatti. Questi marchi hanno raggiunto un punteggio medio superiore a 8 su 10 nel sondaggio di 52 domande, compresa la domanda cruciale su come gli affiliati avrebbero valutato il loro produttore nel complesso.

Le reti che hanno restituito i punteggi più bassi a quella domanda critica includevano di nuovo Fiat (3.7), Alfa Romeo (3.5) e Jeep (3.4). In UK sono i concessionari Citroen quelli che stanno generando al momento il più alto livello di insoddisfazione.  A seguito di una prestazione deludente nell’ultimo sondaggio alla fine della scorsa estate, Mercedes ha registrato il maggiore aumento del punteggio con un guadagno di 89,4 punti nell’intero rilevamento e una scalata da 6,5 ​​a 9,0 del valore complessivo del franchising. Nonostante i bassi valori, Alfa Romeo ha visto anche un significativo movimento verso l’alto (+43.6). BMW ha vissuto il più grande calo, perdendo il 46,8 punti.

Il direttore della NFDA, Sue Robinson, ha commentato questo sondaggio del 30 ° anniversario, aggiungendo che è stato incoraggiante vedere che, negli ultimi trenta anni, il NFDA Dealer Attitude Survey è diventato uno strumento affidabile e rispettato per identificare eventuali problemi che riguardano il rapporto di lavoro tra rivenditori e produttori. “Una relazione costruttiva tra rivenditori e produttori è vitale per il settore automobilistico per prosperare e NFDA si impegnerà con i produttori per garantire che vengano affrontate tutte le preoccupazioni che riguardano attualmente i rivenditori”.