in

Adrian Newey ha ricevuto un’offerta dalla Ferrari e l’ha rifiutata per non lavorare con Schumacher

Sarebbe stata la presenza di Michael Schumacher il motivo del rifiuto di Adrian Newey di lavorare in Ferrari

Adrian Newey

Adrian Newey, uno dei tecnici più prestigiosi nella storia della Formula 1, ha lavorato per squadre come Williams o McLaren, segnando anche un’era di dominio con la Red Bull. Ma il britannico non è mai stato collegato alla Ferrari, la più iconica delle squadre. Come Newey sottolinea nella sua biografia, le offerte non mancavano, ma allora perché Newey non volle firmare per Maranello?

Jean Todt, dopo la firma di Michael Schumacher, ha cercato di avere i servizi di Adrian Newey, ma l’inglese ha rifiutato nonostante un’offerta molto succulenta. Data la sua decisione, Ferrari alla fine scelse Ross Brawn e Rory Byrne, che hanno creato una delle squadre più forti nella storia della Formula 1. Newey ha detto no alla Ferrari per il suo rapporto con Ayrton Senna alla Williams fin da prima della morte del brasiliano. Secondo Newey lavorare con Schumacher poteva venire considerata una mancanza di rispetto verso il campione brasiliano.

“Jean Todt era alla ricerca di un nuovo direttore tecnico e mi ha fatto un’offerta interessante. E la conversazione è andata bene finché non è uscito l’argomento Michael Schumacher. Volevano sapere cosa pensavo di lui. Volevano farlo firmare per la stagione 1996. Era certamente un pilota da temere per i rivali, era probabilmente il migliore. Ma non avevo ancora dimenticato una conversazione che avevo avuto con Ayrton Senna. Il brasiliano era sicuro che Schumacher avesse bandito il sistema di controllo della trazione nella sua Benetton. Sarebbe stato quasi irrispettoso lavorare per Michael così presto dopo la morte di Ayrton “, spiega.

Un altro motivo per cui Newey ha rifiutato di firmare per la Ferrari, era l’obbligo di trasferirsi a Maranello, lontano dalla sua famiglia. Dopo l’incontro con Luca di Montezemolo e una grande offerta sul tavolo, Adrian ha deciso che non era la strada da percorrere. “Sono andato in Italia per incontrare Luca di Montezemolo, l’allora presidente della Ferrari, nella sua casa di campagna in Toscana. Erano trattative serie. L’offerta è stata molto, molto succulenta, mi ha offerto i gioielli della corona. Luca voleva affidarmi l’intero marchio Ferrari: auto sportive e auto da corsa. Avrei potuto vivere come una star del cinema e avere uno stipendio senza precedenti, molto più del doppio della somma che ricevo alla Red Bull “,  ha detto.

Lascia un commento

Written by Ippolito Visconti

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza la patria dei motori. Si laurea alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive come Guest su noti portali Automotive Italiani ed esteri in lingua inglese. Lavora da aprile 2018 con Davinci Media dove segue accuratamente tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.