in

Formula 1: Ferrari e McLaren superano con successo il “crash test” del 2019

Le due famose scuderie avrebbero superato i crash test obbligatori per prendere parte al campionato di Formula 1

Ferrari
Ferrari

Ferrari e McLaren avrebbero superato con successo il “crash test” del 2019 previsto per le monoposto di Formula 1 dalla FIA. Si tratta di un requisito obbligatorio della FIA per partecipare al Mondiale di F1 e di solito non causa alcun problema per le squadre, ma fino a quando  non si ottiene l’ok dell’organo di governo internazionale del campionato c’è sempre un leggero timore poiché non superare i crash test al primo colpo può significare ritardi fatali per la stagione di F1. Il superamento dei crash test da parte della nuova monoposto della scuderia del cavallino rampante sarebbe avvenuto alla presenza di Jo Bauer, delegato tecnico della FIA. 

Con ciò, nulla più ostacolerà la presentazione del 15 febbraio prossimo e il successivo shakedown di due giorni dopo. Ulteriori informazioni sono ovviamente mantenute rigorosamente segrete, sebbene la scuderia italiana sia già stata in grado di compensare parzialmente lo svantaggio delle nuove normative con scoperte innovative. Oltre alla Ferrari, anche l’ex superpotenza di Formula 1 McLaren ha superato il crash test della FIA. L’illustre squadra di Woking la scorsa settimana a Cranfield ha condotto il test obbligatorio, completato in presenza di un funzionario della FIA. La McLaren cercherà nel 2019 di riscattare le opache prestazioni dello scorso anno.