in

Fiat Chrysler: respinto il ricorso contro la class action

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha rifiutato di accogliere l’appello di Fiat Chrysler contro una class action per rischio di hacking

Fiat Chrysler Automobiles sindacati aiuto Pietro Gorlier

Lunedì la Corte Suprema degli Stati Uniti ha rifiutato di accogliere l’appello di Fiat Chrysler in una causa collettiva contro le accuse secondo cui le sue Jeep sarebbero vulnerabili all’hacking, uno dei primi casi legali che coinvolgono rischi di sicurezza informatica automobilistica. L’azione del tribunale apre la strada a un processo a marzo nel contenzioso incentrato sulla questione se gli acquirenti di veicoli possano fare causa su ipotetici infortuni futuri senza essere stati effettivamente vittime di attacchi di sicurezza informatica sui loro veicoli. Fiat Chrysler ha ricevuto un ampio sostegno da parte dei gruppi industriali nella controversia.

Tre proprietari di automobili dell’Illinois, del Michigan e del Missouri nel 2015 hanno citato in giudizio la consociata statunitense della casa automobilistica controllata italiana e la Harman International Industries, una sussidiaria della Samsung Electronics Co che produce il sistema di infotainment Uconnect installato su vari modelli di Ram, Dodge, Jeep e Chrysler. Secondo la causa, i criminali informatici sono in grado di accedere al sistema di infotainment, consentendo loro di prendere in carico funzioni critiche come accelerazione, frenata, sterzo e accensione.

I querelanti sostengono che entrambe le aziende conoscono i difetti da anni, affermando che i ricercatori della sicurezza informatica hanno rivelato le vulnerabilità già nel 2011. La questione ha ricevuto attenzione quando un articolo del 2015 della rivista tecnologica Wired ha mostrato come era facile hackerare una Jeep Cherokee mentre guidava. I consumatori hanno detto che, se i difetti fossero stati divulgati, non avrebbero mai acquistato i veicoli. Hanno anche detto che i difetti riducono il valore di rivendita dei loro veicoli. Fiat Chrysler e Harman hanno smentito le accuse, dicendo che i querelanti non hanno la legittimazione necessaria per portare avanti il caso.

Fiat Chrysler lunedì ha dichiarato che non vedeva l’ora di presentare il suo caso al processo. “Nessuno degli oltre 200.000 membri della class action in questa causa ha mai subito l’hackeraggio dei propri veicoli e i regolatori federali per la sicurezza della NHTSA (la National Highway Safety Administration) hanno stabilito che FCA US ha soddisfatto completamente le questioni sollevate dai querelanti”.


Lascia un commento

Written by Ippolito Visconti

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza la patria dei motori. Si laurea alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive come Guest su noti portali Automotive Italiani ed esteri in lingua inglese. Lavora da aprile 2018 con Davinci Media dove segue accuratamente tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.