in

Arrivabene: “Vettel deve ancora fornire la sua versione migliore in Ferrari”

Il direttore della Ferrari ritiene che Vettel non abbia ancora sfruttato appieno il suo potenziale

Vettel e Arrivabene
Vettel e Arrivabene

Maurizio Arrivabene è convinto che Sebastian Vettel “deve ancora dare la sua versione migliore al volante di una Ferrari”. Per questo, l’italiano dice che tutti nella squadra devono remare nella stessa direzione e fornire ai loro piloti un’auto capace di lottare per il campionato del mondo.
Sebastian Vettel ha commesso errori in questa stagione, ma la Ferrari non ha reso le cose più facili al tedesco. Il capo della scuderia di Maranello, Maurizio Arrivabene, vuole creare le condizioni ottimali in modo che Sebastian possa ottenere il meglio da lui il prossimo anno. “Seb è il nostro pilota, i suoi obiettivi sono gli stessi dell’intero team. E ‘un ragazzo che deve ancora dare il meglio di se al il volante di una Ferrari, ma la squadra dovrebbe essere in grado di creare le condizioni ideali per consentire al pilota di dare il meglio di se. Se ci riusciremo sono sicuro che sarà grandioso.”

Nel 2019 Charles Leclerc arriverà alla Ferrari. Indubbiamente, questo è un pilota di grande talento che ha vinto in GP3 e in Formula 2, oltre a brillare nel suo primo anno di Formula 1, con Alfa Romeo Sauber , ma Arrivabene preferisce mantenere la prudenza attorno al Monegasco e preferisce che la sua crescita avvenga passo dopo passo. “Charles ha talento e ha già dimostrato di essere un pilota forte, ma devo proteggerlo e assicurarmi che non si bruci con la potente attenzione che la Ferrari genera, il suo primo obiettivo sarà quello di unirsi al team e sfruttare la presenza nel box di un pilota come Sebastian Vettel per crescere “, ha aggiunto.

Per quanto riguarda l’auto del 2019, che è conosciuta internamente con il nome in codice “670”, Arrivabene sottolinea che è in una fase avanzata, con alcune parti già in produzione. “Ho già visto il modello, ma sono passate solo due settimane, diversi componenti sono già in produzione, ma alcune parti fondamentali della performance saranno costruite appena in tempo per arrivare ai test di Barcellona.Gli ingegneri, come al solito, faranno passare più tempo possibile, perché ora abbiamo i dati delle simulazioni, ma per sapere dove saremo dovremo aspettare i test di Barcellona”, ha concluso.