in

Fiat Chrysler prevede ulteriori stop alla produzione a gennaio in USA e Canada

Il gruppo italo americano ferma la produzione in numerosi stabilimenti per adeguamento alla domanda

Fiat Chrysler Automobiles supera Ford USA

Fiat Chrysler Automobiles ha annunciato venerdì che quattro fabbriche statunitensi e una in Canada saranno interessate da interruzioni della produzione a gennaio. L’impianto di Warren Truck della casa automobilistica nel Michigan e l’impianto di Brampton Assembly in Ontario si fermeranno dal 2 al 4 gennaio e per la settimana del 7 gennaio. Questo avverrà allo scopo di “allineare la produzione alla domanda” in seguito ai tempi di inattività annuali precedentemente programmati per le vacanze. Altre fabbriche rimarranno chiuse per ristrutturazioni e manutenzione: lo stabilimento Jefferson North di Fiat Chrysler a Detroit chiuderà tra il 2 e il 5 gennaio, Sterling Heights dirà stop alla produzione nei giorni 2-5 gennaio e la settimana del 7 gennaio e Toledo North chiuderà i battenti tra l’11 e il 18 gennaio.

Tutti gli impianti riprenderanno le normali operazioni dopo i tempi di inattività programmati. La casa automobilistica prevede anche di fermare la produzione a Toledo North il 27 dicembre e a Jefferson North il 23, 24, 27 e 28 dicembre, tutti giorni in cui gli impianti della casa automobilistica sarebbero normalmente chiusi per le vacanze. Gli stabilimenti di Fiat Chrysler di Brampton e Warren Truck che chiudono per adeguare la produzione alla domanda, costruiscono rispettivamente la Chrysler 300 e la Dodge Challenger e Charger e la precedente generazione di Ram 1500. Fiat Chrysler costruisce Jeep Wrangler a Toledo, Jeep Grand Cherokee e Dodge Durangos a Jefferson North. La notizia arriva una settimana dopo che Detroit News ha riportato i piani di Fiat Chrysler di far risorgere una fabbrica di motori dismessa a Detroit per costruire un suv a 7 posti di Jeep.