in

Fiat Chrysler focalizza l’attenzione sul mercato sudafricano

Fiat Chrysler sta cercando di essere molto più aggressiva nel mercato sudafricano, ecco cosa accadrà

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Sorprendentemente, Fiat Chrysler sta cercando di essere molto più aggressiva nel mercato sudafricano. L’azienda sta cercando di capitalizzare l’appetito insaziabile del mercato locale per i SUV (attualmente il 32%) con la sua line-up di modelli Jeep e con Alfa Romeo Stelvio. Quest’anno, Fiat Chrysler Automobiles South Africa (FCA SA), azienda che importa nel paese i marchi Fiat, Alfa Romeo, Jeep, Abarth e Fiat Professional (veicoli commerciali), è stata ristrutturata, è stata nominata una nuova direzione, è stato creato un nuovo team di vendita, anche la rete dei concessionari nel paese è stata ottimizzata e una serie di nuovi veicoli faranno presto la loro apparizione in Sud Africa.

Nel maggio 2018, Fiat Group Automobiles SA e Chrysler SA si sono amalgamate. E in agosto è stata nominata una nuova direzione, tra cui la nomina di Graham Eagle, amministratore delegato di FCA SA, per l’industria automobilistica. Eagle afferma che in questo momento la sua azienda in Sud Africa sta “sistemando le basi”. “Stiamo consolidando la rete e i concessionari che ora gestiranno tutti e cinque i nostri marchi. Il prezzo dei prodotti sarà più competitivo, i vuoti nella linea di prodotti saranno riempiti e saranno introdotti nuovi motori”, ha detto il numero uno di FCA in Sud Africa. Anche il programma pubblicitario di FCA SA riprenderà e inoltre si sta introducendo un programma di riacquisto garantito su alcuni prodotti come il suo programma “Traction” su Alfa Romeo Giulia e Stelvio. L’azienda è inoltre intenzionata a ripristinare a livello locale lo status del marchio Alfa Romeo che in gran parte è andato perso negli ultimi tempi. La creazione di un ambiente di showroom unico per i prodotti Alfa è una delle misure che danno speranza a FCA SA di ripristinare un po’ di quel prestigio perso.

I marchi Chrysler e Dodge non sono più disponibili localmente, ma i concessionari FCA continueranno a prestare assistenza ai clienti di questi veicoli, afferma Eagle. Attualmente ci sono oltre 40 rivenditori in tutto il paese e nuovi concessionari a Menlyn e Pinetown hanno aperto le loro porte. La nuova concessionaria di punta di FCA SA, l’ex concessionaria “Investment Cars” di Sandton, ha aperto a novembre.

Negli ultimi anni le vendite locali sono diminuite da circa 300 unità al mese a circa la metà. Ma Eagle è ottimista nel riportare i volumi a 300 unità mensili, ritenendo che ciò possa essere raggiunto “in pochi mesi”. L’obiettivo successivo è quello delle 400 unità al mese. “Ora vedrete una Fiat Chrysler più aggressiva”, afferma Eagle. “Ci sarà un inversione di tendenza nelle nostre vendite e volumi perché abbiamo dato ai concessionari gli strumenti per farlo.”


Written by Ippolito Visconti

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza la patria dei motori. Si laurea alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive come Guest su noti portali Automotive Italiani ed esteri in lingua inglese. Lavora da aprile 2018 con Davinci Media dove segue accuratamente tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.