in

Leclerc farà bene alla Ferrari nel 2019 secondo Ross Brawn

Secondo l’ex direttore tecnico della Ferrari l’arrivo di Leclerc non potrà che fare bene alla scuderia di Maranello

Charles Leclerc

Ross Brawn crede che Charles Leclerc porterà nuova energia positiva a Maranello nel 2019. Il 21 enne monegasco entrerà a far parte della Ferrari dopo una sola stagione in Alfa Romeo Sauber, dove è finito in zona punti in dieci diverse occasioni, con il miglior piazzamento in sesta posizione in Azerbaigian. Il giovane pilota, cresciuto nell’accademia Ferrari, ha conquistato 39 dei 48 punti ottenuti dalla sua scuderia in F1 nel 2018. Il 21 enne arriva nel team del cavallino rampante con il peso delle aspettative sulle sue spalle mentre si prepara a prendere il posto di Kimi Raikkonen come compagno di squadra di Sebastian Vettel.

Ma il veterano della F1, Brawn, crede che l’arrivo del monegasco sia una cosa positiva e potrebbe anche spronare la sua squadra a fare quello che non è riuscita a fare in questa stagione, cioè conquistare uno o entrambi i titoli del campionato del prossimo anno. “Charles Leclerc è stato davvero impressionante in termini di velocità e talento”, ha detto Brawn questa settimana. “Ma ora deve fare un significativo passo avanti. “Sono sicuro che il suo arrivo in Ferrari sarà una spinta per la squadra e un ulteriore incentivo per Vettel il prossimo anno”, ha aggiunto.

Leclerc ha fatto la sua prima apparizione ufficiale in pista come pilota Ferrari a tempo pieno nella prova per gli pneumatici post-stagione di questa settimana a Yas Marina. Immediatamente ha lanciato il guanto di sfida a Vettel andando più veloce di chiunque nel corso dei due giorni. Il suo tempo di 1: 36.450 di mercoledì è stato di tre decimi e mezzo più veloce del quattro volte campione del mondo ottenuto il giorno precedente.

Entrambi i piloti della Ferrari sono stati più veloci di Valtteri Bottas di Mercedes e del nuovo pilota della Force India Lance Stroll, suggerendo che il fattore Leclerc potrebbe già adesso fare sentire i suoi effetti. Brawn ha detto che la squadra aveva bisogno di un tonico per rianimare i suoi spiriti dopo la delusione di non aver vinto il campionato di quest’anno. “Quando uno non vince un campionato del mondo che è sembrato molto vicino, è inevitabile che vengano poste delle domande per capire cosa è andato storto”, ha commentato l’ex direttore tecnico della Ferrari.


Lascia un commento

Written by Ippolito Visconti

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza la patria dei motori. Si laurea alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive come Guest su noti portali Automotive Italiani ed esteri in lingua inglese. Lavora da aprile 2018 con Davinci Media dove segue accuratamente tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.