in

Ferrari crede nella possibilità di ottenere il titolo costruttori

Ferrari
Ferrari

Il campionato piloti è già storia, ma la Ferrari può ancora essere proclamata vincitore nel Campionato costruttori. Il numero uno della scuderia del cavallino rampante, Maurizio Arrivabene, assicura che Sebastian Vettel e Kimi Räikkönen daranno tutto per questo obiettivo, che la Scuderia di Maranello non raggiunge dalla stagione 2008. “Nel corso della riunione successiva al GP del Messico, sia Sebastian che Kimi hanno confermato che volevano fare del loro meglio per cercare di raggiungere la vittoria nel campionato costruttori. Tutti i nostri tecnici sembrano essere molto motivati al raggiungimento di tale obiettivo. E ‘stata una grande sensazione vedere questa grande motivazione nella nostra squadra anche se avevamo perso il titolo Piloti poche ore prima.”

Ferrari: Maurizio Arrivabene ritiene che la sua scuderia abbia ancora concrete possibilità di vincere il campionato costruttori

La Ferrari non vince il campionato costruttori dal 2008. Si tratterebbe dunque di una vittoria importante per noi. Non sarà facile ma ci proveremo. Molti dimenticano che il titolo costruttori è stato il più importante per Enzo Ferrari, come lo è stato per Frank Williams o Ron Dennis. Non sto dicendo questo perché abbiamo perso il campionato piloti, ma sappiamo che per un costruttore, il titolo è molto importante. Sappiamo che è molto difficile, perché un deficit di 55 punti con due gare per finire la stagione rappresenta indubbiamente un divario importante. Ma in Messico ho visto una squadra molto compatta, molto concentrata “.

Arrivabene fa il mea culpa in riconoscimento degli errori commessi durante la stagione. È orgoglioso del proprio lavoro, ma ritiene che alla sua Ferrari manchi “l’abitudine alla vittoria” perché è una squadra molto più giovane della Mercedes, che ha mantenuto un nucleo stabile dall’inizio del decennio. “C’è una persona responsabile dell’area sportiva e sono io, quando le cose vanno male, sono qui e l’ho sempre detto, quando vanno bene, la mia soddisfazione è essere sotto il podio, cantare l’inno e applaudire. Questo anno c’è stato un momento in cui eravamo tutti fenomeni, poi hanno accusato il nostro pilota e successivamente anche la nostra monoposto. Ma quello che abbiamo capito ancora meglio è che si vince e si perde tutti insieme”.


Lascia un commento

Written by Ippolito Visconti

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza la patria dei motori. Si laurea alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive come Guest su noti portali Automotive Italiani ed esteri in lingua inglese. Lavora da aprile 2018 con Davinci Media dove segue accuratamente tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.