in

Fiat Chrysler: le accuse di dieselgate in USA costano 800 milioni di dollari

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Fiat Chrysler Automobiles ha dichiarato di aver realizzato profitti netti per 642 milioni di dollari nel primo trimestre dopo la morte dell’ex CEO Sergio Marchionne. Ma questa cifra è stata ridotta da ciò che la società stima che il suo presunto scandalo delle emissioni dieselgate negli Stati Uniti possa costare e cioè 812 milioni di dollari pari a 713 milioni di euro. Questa ovviamente non rappresenta un’ammissione di colpa. La società in proposito ha dichiarato: “Questo onere non rappresenta un importo di liquidazione concordato né un’ammissione di responsabilità, ma rappresenta una stima delle disposizioni ai sensi delle linee guida applicabili sulla base dell’andamento delle discussioni di regolamento con le controparti”.

Fiat Chrysler accantona 800 milioni di dollari per eventuali ammende e sanzioni relative alle accuse sulle emissioni diesel in USA

L’azienda deve rispondere per presunti imbrogli sulle emissioni di auto diesel in un numero stimato di 100.000 veicoli. Si tratta di unità diesel di Ram 1500 e Jeep Grand Cherokee. La società italo americana ha sempre negato ogni responsabilità. Fiat Chrysler è l’ultima casa automobilistica a dover affrontare le accuse di barare sugli standard delle emissioni diesel dopo lo scandalo delle emissioni di Volkswagen, un episodio molto più ampio che è costato miliardi alle aziende coinvolte. Per il trimestre, la società ha dichiarato di aver realizzato, un EBIT adjusted di 1.995 milioni di Euro in rialzo del 13% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e un utile netto di 642 milioni di dollari (564 milioni di euro), in calo del 38% rispetto allo scorso anno. I ricavi netti si attestano a 32,8 miliardi di dollari (28,8 miliardi di euro), in aumento del 9%. 

La performance della società è stata sostenuta dalle forti vendite di Jeep e Ram in Nord America, dove l’utile ante imposte è aumentato del 51% nel trimestre rispetto allo stesso periodo del 2017. I volumi in Cina, tuttavia, hanno penalizzato i risultati. Manley ha ottenuto generalmente un punteggio elevato dagli analisti per la sua leadership fino ad oggi, anche per aver promosso un accordo per la vendita di componenti Magneti Marelli di Fiat Chrysler per oltre 6,2 miliardi di euro. Quella vendita dovrebbe consentire un pagamento di 2 miliardi di euro agli azionisti l’anno prossimo. Negli ultimi mesi, FCA ha avuto un buon successo con le vendite di Suv e Pick Up superando anche Ford negli Stati Uniti a settembre. Il mix di prodotti aggiornati di quest’anno, incluso un nuovo Jeep Wrangler e Ram 1500, è arrivato in un momento opportuno.