in

Fiat Chrysler ha deciso di congelare il progetto di costruire nuovi cambi in Argentina

Fiat Chrysler Automobiles

Nel polo industriale che Fiat Chrysler Automobiles ha nel quartiere di Ferreyra nella città argentina di Córdoba, c’è uno spazio riservato per aumentare la produzione di cambi che per ora continuerà ad attendere. Ieri, il presidente della società in Argentina, Cristiano Rattazzi, ha ammesso che il piano, che prevede un investimento di quasi 100 milioni di dollari, è stato messo in ” stand by ” dalla sua società. “Stiamo facendo più cambi, ma non il grande progetto di cui si parlava, che per ora è in standby fino a quando non vedremo bene cosa succede”, ha detto il numero uno di FCA in Argentina alla fine di una dissertazione che si è tenuta presso la Borsa di Cordoba.

Il piano di aumentare la produzione di cambi in Argentina per il momento è stato messo in Standby da Fiat Chrysler

Rattazzi ha collegato questo pausa ai cambiamenti che stanno avvenendo nel mercato automobilistico mondiale. “Dobbiamo vedere cosa succede con le auto elettriche, per esempio. Sono cose globali che definiscono il futuro e le nostre strategie”, ha spiegato.
Tuttavia, anche lo scenario critico dell’economia argentina è un fattore ineludibile. Il manager di Fiat  Chrysler ha menzionato nel suo discorso che “è tremendo sopportare tassi di interesse superiori al 70% per più di un mese”. Lo scorso giugno, quando il progetto sembrava aver guadagnato forza, il CEO di FCA in Argentina, Antonio Filosa, aveva già avvertito. “Stiamo valutando gli investimenti. Lo scenario economico argentino ora ci pone altre domande “, ha detto l’esecutivo.

Per il momento, la produzione del modello globale Fiat Cronos ha provocato una maggiore richiesta delle trasmissioni C-530 che Fiat produce a Ferreyra da anni. Nel 2017 la produzione di cambi era di circa 30 mila unità all’anno, ma quest’anno la proiezione sarà di raggiungere quota 60 mila. Con il nuovo impianto, che per ora rimarrà solo sulla carta, l’aspettativa è di portare la cifra a 150 mila.

Lascia un commento