in

Ferrari ha ora un piano migliore dice Societe Generale

Ferrari convince Societe Generale: la banca francese ritiene che il cavallino rampante adesso abbia un piano migliore

Ferrari

La rinnovata attenzione della Ferrari per i clienti di fascia alta è un “cambio di gioco” per la sua valutazione, ha detto Societe Generale mercoledì, dato che la banca francese ha aumentato il suo obiettivo di prezzo per il titolo di quasi il 40%. Il più famoso produttore di supercar italiano è stato quotato alla borsa di New York a ottobre 2015 con un prezzo di offerta pubblica iniziale (IPO) di 52 dollari. Alla chiusura di martedì il titolo era di 128,95 dollari. Dopo essersi interrogata a lungo sul valore del titolo, la banca ha detto che ora hanno cambiato idea, alzando il target di prezzo per il produttore di auto di lusso da 94 a 130 dollari e spostando la raccomandazione da “Sell” a “Hold”.

Ferrari convince Societe Generale: la banca francese ritiene che il cavallino rampante adesso abbia un piano migliore

“I fatti sono cambiati e così abbiamo cambiato idea su Ferrari”, è stato scritto nella nota stilata dall’analista azionario Stephen Reitman. Reitman ha sostenuto che il piano iniziale della Ferrari per raggiungere il suo obiettivo per il 2022 di aumentare le vendite rivolgendosi al mercato dei SUV sarebbe difficile a causa della concorrenza diffusa. 

Ha aggiunto che qualsiasi “corsa alla crescita” potrebbe rischiare di danneggiare l’esclusività del marchio. Questa strategia è stata messa in atto dall’ex CEO Sergio Marchionne, morto a luglio di quest’anno dopo un intervento chirurgico alla spalla. Il suo successore, Louis Camilleri, ha aggiornato i mercati a settembre con una nuova fascia di utili per il 2022 tra 1,8 e 2 miliardi di euro.

Ciò rappresentava un leggero calo rispetto alla cifra di 2 miliardi di euro di Marchionne, ma Reitman ha affermato che mentre i numeri obiettivo erano sostanzialmente inalterati, la strategia aziendale è ora cambiata. “Il nuovo piano di medio termine ribadisce ampiamente gli obiettivi finanziari chiave stabiliti a febbraio, ma il modo in cui la Ferrari intende realizzarli sembra essersi sostanzialmente modificato”, ha affermato. L’analista ha detto che la  casa automobilistica italiana ha raddoppiato i clienti di fascia alta dopo aver fatto debuttare due nuovi veicoli stradali, Ferrari Monza SP1 e SP2 il mese scorso. 

Ferrari

L’azienda di Maranello ha detto che gli ultimi modelli fanno parte di una serie limitata chiamata “Icona”. Il nome è stato scelto per fare riferimento alle famose vetture da corsa degli anni ’50. Le auto saranno vendute al prezzo iniziale di 1,6 milioni di euro. Reitman ha descritto il cambio di strategia come un “game-changer” per l’azienda italiana.