in

Fiat Chrysler: il tribunale del Michigan respinge il reclamo di Mahindra

La casa indiana si era opposta contro la denuncia di Fiat Chrysler appellandosi ad un contratto del 2009 ma il tribunale le ha dato torto

Un tribunale distrettuale degli Stati Uniti nel Michigan ha negato la mozione di Mahindra per un’ingiunzione preliminare che avrebbe impedito a Fiat Chrysler Automobiles di sporgere denuncia contro di essa presso la Commissione commerciale internazionale degli Stati Uniti (USITC). Il tribunale, in un provvedimento del 2 ottobre, ha negato la mozione presentata da M & M e dalla sua unità nordamericana, Mahindra Automotive North America (MANA), il 23 agosto. La casa automobilistica indiana contestava la causa di FCA per l’utilizzo del disegno di una griglia troppo simile a quello di Jeep che secondo il gruppo italo americano rappresentava una violazione del copyright mentre per la società indiana derivava da un contratto firmato nel 2009 con Chrysler. 

La casa indiana si era opposta contro la denuncia di Fiat Chrysler appellandosi ad un contratto del 2009 ma il tribunale le ha dato torto

All’inizio di settembre, FCA ha chiesto al tribunale di respingere la mozione di M & M per ingiunzione, sostenendo che la casa automobilistica indiana stava cercando rifugio in un’interpretazione legale del contratto del 2009. Il 1 ° agosto, Fiat Chrysler ha presentato una denuncia all’USC ITC, un’agenzia federale che si occupa di pratiche commerciali sleali e di proprietà intellettuale di società straniere, sostenendo che il veicolo fuoristrada Mahindra Roxor ha violato i diritti di proprietà intellettuale (marchi e trade dress) del suo brand Jeep.

Fiat Chrysler ha chiesto l’arresto immediato di tutte le attività di vendita e marketing del Roxor negli Stati Uniti, definendo il fuoristrada illegale e non autorizzato. Il 13 settembre scorso l’ITC ha dichiarato che avrebbe indagato sula questione. Se l’inchiesta avesse dimostrato che Mahindra aveva violato i brevetti, avrebbe fatto deragliare il piano della compagnia indiana per vendere veicoli commerciali e di utilità negli Stati Uniti. Nell’ordinanza del 2 ottobre, il tribunale ha dichiarato che il reclamo ITC di FCA esula dall’ambito dell’accordo del 2009.