in

Ross Brawn: “Senza dubbio la morte di Marchionne ha danneggiato le prestazioni della Ferrari”

La morte di Sergio Marchionne è stata “un grande impatto” sulla corsa al titolo mondiale di Ferrari in F1 secondo Ross Brawn

Ross Brawn
Ross Brawn

La morte di Sergio Marchionne ha avuto “un grande impatto” sulla corsa al titolo mondiale di Formula 1 di Ferrari secondo Ross Brawn. Brawn, ex direttore tecnico della Ferrari, ritiene che i problemi della Ferrari possano derivare dalla improvvisa scomparsa dell’ex presidente Marchionne, morto a fine luglio a seguito di una breve malattia. A Marchionne è stato attribuito il merito di aver fatto le fortune di Ferrari sia dal punto di vista commerciale che sportivo, compresa la rinascita della Scuderia nella lotta per il titolo mondiale di F1 contro la Mercedes. Brawn ritiene che la scomparsa del famoso manager abbia avuto un effetto negativo “totalmente comprensibile” sulla squadra. “È ovvio anche da una breve analisi del comportamento della vettura che la Ferrari ha un pacchetto tecnico molto forte, grazie agli sforzi degli ultimi anni che hanno visto il team colmare un evidente gap tecnico con Mercedes”, ha detto Ross Brawn in un post rilasciato dopo il GP giapponese.

“Rispetto allo scorso anno, anche l’affidabilità della Ferrari è migliorata. Allora, dov’è il problema? Non c’è dubbio che lo shock della morte improvvisa del suo leader, Sergio Marchionne, che è stato un riferimento così forte nella squadra, avrà avuto un impatto importante, e questo è totalmente comprensibile.”Avendo sperimentato molte crisi io stesso durante il mio periodo con la Ferrari, quello che so è che questo è il momento di restare uniti e guardare avanti, senza ricorrere alla recriminazione e scaricare le colpe gli uni sugli altri”. Marchionne è stata sottoposto a un intervento chirurgico alla spalla a metà luglio a Zurigo, ma a causa di complicazioni mediche il gruppo FCA ha annunciato che il 66 enne avrebbe smesso di lavorare come amministratore delegato e presidente della Ferrari. Louis C. Camilleri è stato nominato CEO e il precedente vicepresidente John Elkann è diventato presidente dell’iconico marchio italiano.

Marchionne è morto il 25 luglio, due giorni dopo il Gran Premio di Germania, con la Ferrari che ha reso omaggio all’italiano nel Gran Premio d’Ungheria il fine settimana successivo. Dopo la vittoria al Gran Premio di Gran Bretagna, Vettel è passato da un vantaggio di otto punti nella classifica piloti di F1 ad uno svantaggio di 67 punti da Lewis Hamilton di Mercedes dopo la vittoria del britannico in Giappone e il sesto posto del tedesco. 

Lascia un commento