in

GM ricorso alla Corte Suprema nella causa contro FCA

GM ha chiesto alla Corte Suprema degli Stati Uniti di rivedere la sua causa per racket contro Fiat Chrysler

FCA e GM

General Motors Co. sta chiedendo alla Corte Suprema degli Stati Uniti di rivedere la sua causa per racket contro Fiat Chrysler Automobiles, ora nota come Stellantis, secondo un deposito di questo mese presso l’alta corte. GM ad agosto ha perso il suo appello nel caso, quando la 6th Circuit Court of Appeals degli Stati Uniti ha confermato la decisione di un giudice federale di respingere la causa originariamente intentata nel 2019.

GM ha chiesto alla Corte Suprema degli Stati Uniti di rivedere la sua causa per racket contro Fiat Chrysler

“Stiamo chiedendo alla Corte Suprema di rivedere la decisione del Sesto Circuito che consentirebbe a FCA di sottrarsi alla responsabilità ai sensi dello statuto federale sul racket per il danno che ha inflitto a GM attraverso la sua ammessa corruzione”, ha detto in una nota la portavoce di GM Maria Raynal.

GM ha citato in giudizio il suo rivale di Crosstown sostenendo che il defunto CEO di FCA Sergio Marchionne ha orchestrato una cospirazione multimilionaria di racket che ha utilizzato tangenti per corrompere tre round di contrattazione con la United Auto Workers al fine di danneggiare GM. La casa automobilistica di Detroit ha dichiarato di aver perso “miliardi” a causa della cospirazione per corruzione per aumentare il costo del lavoro di GM durante i negoziati con la UAW.

Nel suo deposito alla Corte Suprema, la casa automobilistica di Detroit sostiene che FCA “ha danneggiato direttamente GM, sia assicurandosi che a General Motors sarebbero state costantemente negate le concessioni che la UAW ha fatto a FCA, sia corrompendo il processo di contrattazione per costringere GM a sostenere più di $ 1 miliardi di costi di manodopera superiori a quanto avrebbe speso senza il racket di FCA.È diventato anche sempre più evidente che l’imposizione di questi enormi costi a GM non era un incidente o un sottoprodotto non intenzionale, ma piuttosto era un obiettivo prefissato del piano di FCA per utilizzare tangenti e corruzione per danneggiare un rivale e braccio forte GM in una fusione.”

FCA
FCA

FCA/Stellantis ha negato le affermazioni di GM. Gli avvocati della casa automobilistica hanno chiesto ai giudici un’estensione per rispondere alla petizione di GM fino a marzo, citando “la stampa di altre questioni”. Tale richiesta è stata accolta.

In una dichiarazione, il portavoce di Stellantis Shawn Morgan ha dichiarato: “Come abbiamo affermato dalla data in cui è stata intentata questa causa, è priva di merito e continueremo a difenderci con forza e a perseguire tutti i rimedi disponibili in risposta a questa causa infondata”.

Looks like you have blocked notifications!