in

Tavares non aspetterà le decisioni dei politici: Stellantis andrà avanti lo stesso

Stellantis: Tavares ha deciso di interrompere tutte le attività di lobbying

Carlos Tavares

Sotto la direzione di Carlos Tavares, Stellantis si è sempre dimostrato uno dei gruppi automobilistici più critici con le decisioni politiche che sono state prese nelle alte istituzioni governative europee. Lo scorso anno il gruppo ha deciso di dimettersi da ACEA, associazione di cui è stato presidente e che rappresenta le principali case automobilistiche operanti nel mercato europeo. Il numero uno di Stellantis non era d’accordo con l’approccio con cui questa istituzione stava affrontando il problema della decarbonizzazione e ha scelto di prendere una strada diversa.

Stellantis: Tavares ha deciso di interrompere tutte le attività di lobbying

Ora, Tavares e Stellantis hanno preso una decisione molto più drastica: interrompere tutte le loro attività di lobbying. Questa risoluzione è il risultato di esperienze frustranti con i politici e delle loro decisioni in merito a rigide normative sulle emissioni. “Non avremo più lobbisti. Non negozieremo più”, ha avvertito il numero uno del gruppo automobilistico nato dalla fusione di Fiat Chrysler Automobiles e PSA. “Non possiamo aspettare che i governi prendano decisioni, dobbiamo correre oltre la regolamentazione “.

L’industria deve anticipare ciò che i politici decidono di prescrivere come prossimo passo normativo, ha assicurato Tavares durante il CES 2023 a Las Vegas. La sua opinione non è una voce dissenziente tra i produttori. Molti di loro credono che i politici e i funzionari dell’Unione europea non stiano prendendo in considerazione le loro preoccupazioni.

In più di un’occasione, il boss di Stellantis ha chiesto che la progettazione della nuova legislazione ambientale sia basata su fatti scientifici. “Secondo me, ci sono due modi di guardare al mondo per risolvere i problemi di CO 2: una visione pragmatica e una visione dogmatica. La pragmatica cerca di ridurre i livelli di CO 2 nel modo più ampio ed efficace possibile attraverso una combinazione intelligente di tecnologie di propulsione la dogmatica ritiene che questo obiettivo possa essere raggiunto solo con veicoli elettrici a batteria”, spiega Tavares.

Il percorso avviato dall’Unione Europea per implementare limiti sempre più stringenti sulle emissioni di CO 2 ha l’obiettivo di zero emissioni fissato nel 2035. A quella data la vendita di veicoli alimentati da un motore a combustione sarà completamente vietata. Per Tavares, questa decisione “ignora il fatto che questo non regola una grande parte della popolazione dei veicoli”. 

Stellantis logo

I produttori sono costretti ad aumentare i prezzi perché devono coprire il costo delle nuove tecnologie che consentono loro di conformarsi a tali normative. E, d’altra parte, nell’attuale crisi economica, saranno molti coloro che non potranno permettersi di acquistare un nuovo veicolo. Di conseguenza, “le persone guideranno più a lungo veicoli obsoleti, che sono più dannosi per l’ambiente”, afferma il manager.

Stellantis ha in programma di organizzare un evento annuale, Freedom of Mobility, dove aprirà le porte a discussioni su come portare “libertà di mobilità pulita, sicura e conveniente alla società di fronte al riscaldamento globale”. Il primo di questi eventi si terrà all’inizio di quest’anno. L’intenzione di Tavares è quella di promuovere un ampio dialogo pubblico con tutte le parti interessate di tutti i settori: “argomentare con i fatti è essenziale per la discussione sugli standard ambientali”.

Looks like you have blocked notifications!